Macchie di sangue: è già il menarca?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 25/08/2018 Aggiornato il 25/08/2018

La comparsa di poche macchie di sangue nell'arco di un solo giorno non esprime l'arrivo della prima mestruazione, che è caratterizzata da una perdita più significativa che si protrae più a lungo.

Una domanda di: Lucia
Gentili dottori, vi scrivo per mia figlia di 9 anni e 8 mesi, che pesa 33 chili ed è alta
1.40 metri. Dall’età di 8 anni ha cominciato lo sviluppo prima del seno poi dei
peli pubici. Da ieri ho notato delle macchie di sangue sulle mutandine
suppongo sia il menarca. Il pediatra dice che comunque è nella norma, ma a me
sembra presto: pensavo ad 11 anni come è accaduto a me. Cosa ne pensate?

Gianni Bona
Gianni Bona

Cara mamma,
prima di tutto non credo che le macchie di sangue che lei mi ha descritto
siano il menarca, che per sua caratteristica deve protrarsi per circa 2-3
giorni e dare luogo a perdite più significative. La sua bambina ha avuto un
semplice “spot”, che prelude alla prima mestruazione ed esprime che il
“meccanismo” della pubertà sta per completarsi. Dopo questo primo segnale
potrebbero però passare mesi prima che compaia il menarca vero e proprio. Il
suo pediatra ha comunque ragione a tranquillizzarla visto che anche se il
menarca dovesse manifestarsi a breve non saremmo in una situazione di
pubertà precoce: a quasi 10 anni l’arrivo delle mestruazioni è considerato,
come lui le ha detto, normale. Tenga comunque presente che di norma il
menarca compare quando la ragazzina raggiunge circa i 40 chili: il peso
della sua bambina suggerisce che potrebbe passare altro tempo prima del
conclamarsi della pubertà. Per quanto riguarda invece la statura, sua figlia
è alta (probabilmente più della maggior parte delle sue coetanee) e non è
detto che la sua crescita si fermi dopo l’arrivo del menarca. In generale,
però, in simili casi, quando cioè la pubertà appare imminente prima degli
11-12 anni di età può essere opportuno rivolgersi a un centro di
endocrinologia pediatrica semplicemente per far valutare la situazione e
avere previsioni circa la crescita in altezza. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti