Macchioline di sangue scuro in una bimba di 10 anni: è il menarca?

Professor Gianni Bona A cura di Professor Gianni Bona Pubblicato il 26/06/2024 Aggiornato il 26/06/2024

La comparsa di qualche piccola macchia di sangue non è necessariamente espressione della prima mestruazione, che può manifestarsi dopo mesi dall'apparizione di un leggero spotting.

Una domanda di: Dania
Ho una bambina di 10 anni e mezzo, ha già un po’ di seno e, da circa 5-6 mesi ha un po’ di peluria al pube, niente peluria sotto le ascelle, oggi si è trovata le mutandine macchiate di scuro, cosa può essere? Mi sembra presto, cosa posso fare? Grazie.
Gianni Bona
Gianni Bona

Gentile signora, in che senso cosa può fare? Il processo che si sta compiendo nella sua ragazzina è del tutto naturale, non si deve intervenire in alcun modo per arrestarlo. Detto questo, tenga presente che tra queste prime macchioline di sangue e la comparsa del menarca (prima mestruazione) potrebbero trascorrere altri mesi, cioè non è detto che le lievi perdite che si sono verificate siano una mestruazione, mentre potrebbero essere un’avvisaglia del ciclo mestruale a venire. Solo quando il sanguinamento diventerà significativo e inizierà a comparire a intervalli più o meno regolari (per esempio ogni 28-30 giorni) saremo sicuri che si tratti di mestruazioni. Ma se anche il menarca si verificasse subito o tra un mese non ci sarebbe alcuna preoccupazione dal punto di vista medico. Probabilmente sua figlia si svilupperà alla stessa età in cui si è sviluppata lei, perché l’epoca del menarca, esattamente come l’età in cui arriva la menopausa, è influenzata dall’ereditarietà. Il mio consiglio è di accogliere con naturalezza e lievità questo passaggio, per non trasmettere a sua figlia il subdolo messaggio che la mestruazione sia una manifestazione anomala e spiacevole o, peggio, una malattia. Ribadisca a questa ragazzina le regole da seguire in relazione all’igiene intima (a partire dalla frequenza con cui deve avvenire la sostituzione dell’assorbente), sempre con un tono leggero, per non metterla in ansia. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti