Madre e padre Rh positivo: può il figlio essere Rh negativo?

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 10/11/2023 Aggiornato il 13/11/2023

La nascita di un bimbo Rh negativo da due genitori Rh positivo non sorprende affatto ed ha una spiegazione scientificamente certa.

Una domanda di: Federica
Salve vorrei sapere come è possibile che nostro figlio sia nato con Rh negativo, io, in quanto madre, sono 0 Rh positivo e il padre B Rh positivo,
nostro figlio è B Rh negativo, oltretutto, gentilmente, vorrei sapere se questo fattore potrebbe creargli complicanze in futuro, grazie in anticipo.

Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile signora,
la lettura “superficiale” cioè esterna del gruppo sanguigno e del fattore Rh a volte suscita perplessità in quanto non sono ben conosciute le regole di trasmissione di questi caratteri. Cominciamo dal gruppo ABO. Ogni individuo porta due lettere del sistema ABO e ne trasmette solo una al figlio. Quindi un individuo A può essere AA oppure AO. In questo secondo caso la lettura intercetterà solo la lettera A perché lo 0 è mascherato, pur essendo presente nel patrimonio genetico. In modo simile un soggetto B potrà essere, nel suo patrimonio genetico sia BB che B0. In entrambi i casi verrà letto in laboratorio come B. Ora che ho chiarito questo aspetto, le apparirà ovvio che suo figlio possa essere B. Infatti un soggetto 0, come lei , può trasmettere solo 0, e un soggetto come suo marito, B, può essere B0. Quindi il bambino ha potuto ereditare uno 0 dalla madre e una B dal padre. Per il fattore Rh è più semplice perché è un sistema a soli due fattori (positivo e negativo). I soggetti Rh negativi hanno sempre entrambi i fattori negativi (Rh -/Rh -). I soggetti Rh positivi possono essere Rh+/Rh+ oppure Rh+/Rh- anche se in questo secondo caso viene visualizzato dal test solo il fattore Rh+. Ma il soggetto può trasmettere ,senza che appaia, il fattore Rh-. Pertanto vostro figlio, che ha ereditato da entrambi la componente Rh-, possiede il gruppo Rh negativo.
Quindi tutto è in ordine e ben interpretabile.
Possedere il fattore Rh negativo non comporta alcun problema di salute, nessuna predisposizione o suscettibilità a malattie. Nel caso di soggetto maschile, inoltre, come suo figlio, non vi sarà nessun problema nemmeno in caso di procreazione con una donna Rh positivo o Rh negativo. Infatti la tanto temuta incompatibilità Rh si realizza solo in caso di donna con fattore negativo e partner con fattore positivo cosa che può determinare un feto Rh+ cioè “estraneo” al sistema immunitario materno e riconosciuto incompatibile. Questo tema, peraltro oggi assolutamente superato grazie alla profilassi anti D, non riguarderà mai suo figlio e la sua compagna. Ricordi al suo ragazzo, divenuto maggiorenne, l’importanza della donazione di sangue in quanto il fattore Rh negativo è molto prezioso. Lo accompagnerete voi la prima volta, mostrandogli come si dona il sangue. Anche il fattore Rh+ è, comunque, sempre atteso dai centri trasfusionali!
Cordali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti