Mal di testa in un adolescente

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 23/03/2021 Aggiornato il 23/03/2021

Il tipo di vita che gli adolescenti sono costretti a condurre a causa della pandemia può essere fonte di una tensione emotiva tale da trasformarsi in un possibile fattore responsabile (o corresponsabile) della comparsa di cefalea.

Una domanda di: Letizia
Scrivo per mio figlio adolescente che ha 14 anni.
Circa 20 giorni fa ha accusato un forte mal di testa con intensità
altalenante per 4 giorni. Dopo il mal di testa è regredito e sono comparsi
dei giramenti di testa che perdurano ancora attualmente. Sottoposto a
prelievo ematico, visita oculistica e otorino e a prove dello stato
neurologico.Tutte regolari. Quale la possibile causa?
La ringrazio.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
il mal di testa in un adolescente può avere molte cause sia di origine organica sia di tipo psico-ambientale. In questo periodo la stessa malattia COVID può presentarsi con la cefalea. La cosa migliore da fare in caso di capogiri è quella di far mantenere al ragazzo una alimentazione corretta, ricca di sali minerali e un ritmo regolare di vita con particolare attenzione al sonno notturno, che è importante sia sufficiente e non inizi a notte fonda, ma entro le 22-22.30. Da non sottovalutare le ore che i nostri adolescenti passano davanti ad uno schermo sia tablet, cellulare o computer. La tensione emotiva generata dall’impossibilità di muoversi di casa, di frequentare gli amici e anche di andare a scuola può essere un altro fattore scatenante. Inoltre in questo periodo i ragazzi non possono fare sport, il che non aiuta. Tenga presente che ci sono alimenti che possono agire da fattori scatenanti in soggetti predisposti al problema: insaccati, cibi in scatola, formaggi stagionati, cioccolata, di cui è dunque meglio ridurre il consumo.
Comunque è sempre importante sondare altri disturbi associati e mantenere un contatto col medico per valutare eventualmente il da farsi. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti