Malattie a trasmissione sessuale: si possono prendere usando il profilattico?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 09/05/2024 Aggiornato il 09/05/2024

Se si utilizza il profilattico fin dall'inizio del rapporto sessuale ci si mette al riparo dal rischio di essere contagiati da una malattia a trasmissione sessuale.

Una domanda di: Elena
Sono una donna di 30 anni e soffro di ipocondria. Ho gli attacchi di panico da giorni e il ginecologo non mi segue molto. Le scrivo perché nell’ultimo mese ho avuto diversi episodi di diarrea, alternata a stipsi, colite e meteorismo. Nell’ultima visita ginecologica è stato evidenziato del liquido nella falda di Douglas con dolore. La sera prima avevo avuto un attacco forte di colite. Il ginecologo mi ha prescritto due strisci tra cui quello per gonorrea, clamidia e trichomonas. Ho un ragazzo da 6 mesi (con cui ho usato sempre il profilattico) che è risultato negativo ai test rapidi di clamidia e gonorrea. Io sto ancora aspettando i risultati degli strisci. Il mio precedente rapporto è avvenuto un anno fa con un altro ragazzo ma sempre con profilattico. Dopo il rapporto comunque ho fatto altre visite ginecologiche e pap test risultato negativo, e non ho mai avuto perdite strane o infiammazioni. Posso chiederle se è possibile che i sintomi vengano dopo un anno dal contatto? Anche se tale ragazzo mi ha riferito di non aver avuto problemi?
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Elena, lei soffre di colon irritabile perché focalizza lì il suo disagio emotivo. Una piccola raccolta di liquido nel Douglas in fase ovulatoria è fisiologica e quindi bisognerebbe sapere se questo riscontro coincide con il giorno dell’ovulazione. Bene escludere infezioni a trasmissione sessuale e quindi un quadro di malattia infiammatoria pelvica ma se usa sempre il preservativo in modo congruo, ovvero dall’inizio del rapporto, preclude la possibilità di contagio con germi a trasmissione sessuale. Il semplice colon irritabile non può generare essudato o trasudato che si raccolga poi nel cavo del Douglas, il punto più declive della cavita addominale, mentre questo può avvenire se la forma infiammatoria intestinale è dovuta a morbo di Chron o colite ulcerosa o diverticolosi. Una nuova ecografia e la visita da un gastroenterologo può fare chiarezza e speriamo regalarle un po’ di tranquillità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti