Maltitolo in gravidanza: è pericoloso?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 01/07/2021 Aggiornato il 01/07/2021

Gli studi scientifici compiuti sul maltitolo assunto in gravidanza non hanno segnalato rischi per il feto.

Una domanda di: Ilenia
Salve, sono nella 38 settimana di gravidanza. Praticamente dalla 12esima
settimana alla 20 esima settimana ho avuto problemi di glicemia alta e
liquido aumentato quindi ho seguito una dieta e il liquido si è
stabilizzato. Solo che spesso ho mangiato biscotti e merendine che al
posto dello zucchero avevano maltitolo: ora leggendo un po’ online ho visto
che sono sconsigliati perché possono causare danni. È davvero così? Sapete
che danni possono provocare? Le mie ecografie stanno andando tutte bene.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Ilenia,
i dati sull’uso in gravidanza di maltitolo o di altri cosiddetti polialcol non indicano un aumento dei rischi per il feto.
È consigliabile, in generale, non abusare dei dolcificanti, in quanto sono anch’essi una fonte di calorie. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti