Mamma a 50 anni: si può?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 22/10/2019 Aggiornato il 22/10/2019

Le possibilità di iniziare una gravidanza dopo la menopausa sono pressoché nulle.

Una domanda di: Paola
Ho 50 anni e non ho più l’ovulazione. Dalle ultime indagini effettuate – sangue, pap test (negativo), visita ginecologica, ecografia è emerso che non ci sono problemi ma che non posso più avere una gravidanza. Il mio ginecologo ci ha consigliato di intraprendere il percorso FIVET. Se possibile desidererei ricevere info in merito e se posso realmente intraprendere questo percorso. Grazie mille.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora,
devo dirle che le possibilità di una gravidanza a 50 anni, non solo spontanea ma anche grazie alla fecondazione in vitro sono praticamente nulle. L’unica cosa fattibile è la fecondazione eterologa (con ovocita di donatrice), che però presenta diversi rischi per la sua salute. Occorre fare una valutazione molto accurata prima di iniziare un simile percorso: le consiglio dunque di rivolgersi a un centro per la procreazione medicalmente assisita dove potranno effettuarla. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti