Mamma con un disturbo della personalità

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 24/02/2020 Aggiornato il 24/02/2020

Una donna con una diagnosi di sindrome della personalità borderline può aver bisogno di sostegno per avere cura dei suoi bambini con serenità ed equilibrio.

Una domanda di: Paola
Sono stata madre affidataria di una bimba, presa all’età di 3 anni, con gravi problemi comportamentali. Ora ha 27 anni e due figli: il primo di 3 anni e mezzo avuto con un uomo, poi lasciato e l’altro di 2 mesi con l’uomo con cui sembra convivere volentieri. All’età di 16 anni le era stata diagnosticata una sindrome della personalità borderline e dai 3 ai 10 anni era sta regolarmente seguita dal servizo di neuropsichiatria infantile. Ora con i bimbo più grande pare aver perso affettività, perché secondo lei i “capricci” che il bimbo fa, sono dispetti nei suoi confronti , mentre la psicologa già le ha detto che molta vivacità riguarda tutti i problemi di cambiamento che Tommaso deve affrontare e i disagi che esprime in questo modo. Vorrei acquistarle un libro di facilissima lettura che la potesse aiutare a trovare delle risposte adeguate per le difficoltà che incontra nella gestione del figlio. Il secondo ha il padre presente in tutti i sensi e cerca di moderare l’ aggressività verbale che lei mostra col figlio più grande. Io mi considero una nonna e amo molto tutti i 2 i bimbi, vorrei esserle di aiuto, ma lei è sicura di avere una risposta giusta per tutto e non accetta il confronto con esperti e tantomeno con me.
Angela Raimo
Angela Raimo

Gentile signora, prima di tutto voglio dirle che apprezzo molto quello che fa per questa ragazza e per i bambini di cui lei si sente, a ragione, nonna. Quello che riferisce è, purtroppo, quanto ci si può aspettare dal vissuto di questa mamma, e dei disagi a livello affettivo che le ha provocato. E’ ovvio che faccia fatica a comprendere quello che fa il suo bambino e ancora di più a capire che alcuni degli atteggiamenti di suo figlio possano essere espressione di un problema emotivo. Non credo che la lettura di un libro possa risolverre la situazione, mentre sono certa che può esserle di estremo aiuto sia l’appoggio di uno psicologo sia il suo sostegno nella gestione dei figli, non per sostituirsi a lei, quanto piuttosto per alleviare la sua fatica. Lo stress fisico e mentale che l’accudimento dei bambini comporta potrebbe infatti peggiorare la sua condione mentale. Detto questo, la invito, cara signora, a continuare a prendersi cura anche di sua figlia, facendola sentire amata, compresa, protetta e non giudicata o, peggio, rimproverata. Il suo compito difficile ma talmente importante da rendere più lieve l’impegno che le richiederà potrà essere quello di fare in modo che questa famigliola, questi bambini trovino equilibrio e serenità. Mi scriva ancora se lo desidera. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti