Mancato concepimento: può essere colpa di un’incompatibilità di coppia?

Dottoressa Faustina Lalatta A cura di Dottoressa Faustina Lalatta Pubblicato il 29/05/2023 Aggiornato il 10/06/2023

L'ipotesi che la gravidanza non si avvi a causa di un'incompatibilità di coppia è attraente per chi si occupa di infertilità, ma non ha alcun fondamento scientifico. Almeno per quanto si è scoperto fino a ora.

Una domanda di: Alda
Buongiorno, io e il mio compagno cerchiamo un figlio da quasi due anni ma ancora nulla, io ho già un bambino di tre anni e mezzo ed anche lui ha una bimba ma insieme non riusciamo ad avere figli già da quasi due anni di tentativi. Un paio di mesi fa abbiamo deciso di fare tutti i controlli e siamo andati dalla mia ginecologa che mi ha seguito nella prima gravidanza, ho fatto già esami ormonali ed è tutto ok, attendiamo il mio prossimo ciclo per fare io controllo delle tube e lui spermiogramma. Ma c’é un dubbio che non mi si toglie dalla testa, ci può essere un’ incompatibilità di coppia? Cioè io e il mio compagno facciamo tutti i controlli ed è tutto ok ma continuo a non restare incinta per questo motivo? Cosa vuol dire quando non siamo incompatibili? Cioè ad esempio se può si lascia con me e prova ad avere un bambino con una’altra subito ci riesce stessa cosa per me, ma insieme non riusciamo a concepire. Ho questo dubbi che non si tolgono dalla testae sto impazzendo e non riuscendo ad avere un secondo figlio (primo insieme) sto molto male, non abbiamo lo stesso gruppo sanguigno, quindi cosa vuol dire incompatibilità di coppia?
Faustina Lalatta
Faustina Lalatta

Gentile signora, desidero subito rassicurarla. Sebbene nel mio ambulatorio mi senta porre frequentemente la domanda che lei formula così bene, non vi è alcuna evidenza dell’esistenza e diagnosticabilità di una incompatibilità di coppia, se parliamo di fertilità o di abortivita ripetuta. Perlomeno non si è mai dimostrato nulla di simile. Il concetto di incompatibilità è però molto attraente, tutte le volte in cui non ci spieghiamo il motivo o i motivi per cui una coppia non riesce a concepire, pur essendo formata da individui sicuramente fertili, come nel vostro caso. Il concetto di incompatibilità esiste in medicina ed affonda le sue radici nella scoperta, più di duecento anni fa che, trasferendo il sangue da una persona ad un’altra vi potevano essere reazioni gravi o gravissime, come se i due sangui fossero incompatibili appunto. Con la scoperta del sistema dei gruppi sanguigni e ancor di più del sistema HLA utilizzato per i trapianti, è stato possibile comprendere la base biologica dell’incompatibilità tra persone, anche della stessa famiglia. Ma questa intolleranza a ricevere sangue oppure organi da soggetti non compatibili deve essere confinata alle trasfusioni ed ai trapianti. Almeno per ora. I numerosissimi studi riguardanti una possibile incompatibilità feto-madre oppure partner maschile-partner femminile nell’ambito della procreazione, non hanno dato nessun risultato chiaro o utilizzabile nella pratica. È pur vero che alcuni ginecologi suggeriscono alle proprie pazienti infertili o poliabortive di sottoporsi alla tipizzazione dell’HLA (non il gruppo sanguigno!). Ma dai risultati di questi test non vengono mai tratte conclusioni. E allora? Come si spiega la sua situazione? Fortunatamente non sembra legata a parametri patologici o ostacoli definiti. Né è spiegabile con il fattore età o malattie materne. Non si spiega. E le provoca tanta emotività, desiderio tradito, paura. Ma perché immaginare che con altri partner si potrebbe concepire senza attesa e invece non avere fiducia nella vostra coppia? È pur vero che l’attesa di una gravidanza desiderata è difficile da affrontare, ma non può essere insopportabile! Anzi potrebbe trasformarsi in un’attesa piena di significato. Non vado oltre perché potrei suonare poco scientifica. Ma dobbiamo sempre avere in mente che la componente scientifica dei nostri problemi medici non spiega mai tutto, ma solo una percentuale di ciò che ci accade. Nel vostro caso il mancato concepimento è l’assenza per ora della gravidanza. Le suggerisco apertamente di accantonare le ipotesi di una incompatibilita’ di coppia e di coltivare i tanti motivi di compatibilità che una coppia desiderosa di un bambino ha con sé. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti