Mascherina FFP2 e gravidanza: può essere nociva?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 15/02/2021 Aggiornato il 15/02/2021

Non ci sono studi che hanno indagato sui possibili rischi in gravidanza legati all'uso della mascherina FFP2 per tante ore consecutive.

Una domanda di: Daniela
Ho appena saputo di essere in dolce attesa, la mia domanda riguarda
l’utilizzo della mascherina FFP2 in gravidanza per diverse ore al giorno, nello specifico 8 ore in ufficio non potendo effettuare smart working.
Indossare la mascherina per così tante ore e tutti i giorni, può creare
danni al bambino o compromettere la gravidanza? Grazie anticipatamente per
la risposta.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile Daniela,
gli studi sull’uso di mascherine FFP2 in gravidanza non hanno osservato effetti significativi sulla frequenza del respiro e cardiaca e sulla concentrazione dell’ossigeno nel sangue della mamma, né sulla frequenza cardiaca del feto.
Gli studi condotti riguardano, però, l’uso della mascherina per una durata limitata (per esempio un’ora). Per quanto sia probabile che anche un utilizzo più prolungato non comporti un aumento dei rischi per il feto, non sono disponibili dati al riguardo.
Se le caratteristiche dell’ambiente lavorativo lo consentono, in particolare se è possibile mantenere le distanze fisiche e ventilare spesso il locale, suggerirei di utilizzare le mascherine chirurgiche.
Le raccomando, comunque, di sottoporre il quesito anche al suo ginecologo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ipertiroidismo: devo smettere di allattare?

27/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è alcuna necessità di smettere di allattare quando si deve controllare un'alterazione della tiroide e questo vale anche se è giunta l'ora di svezzare il bambino: basta pianificare la cura in modo da poterla associare a qualche poppata al giorno.  »

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti