Maschio al test del DNA nel sangue materno, femmina alla morfologica

Dottoressa Cristiana De Petris A cura di Dottoressa Cristiana De Petris Pubblicato il 23/04/2021 Aggiornato il 23/04/2021

Può capitare che il test del DNA fetale circolante nel sangue materno riveli erroneamente il sesso del bambino. E l'errore può essere dovuto a ben precisi fattori clinici.

Una domanda di: Stef
Salve dottoressa. Ho effettuato a 11 settimane il vera test ed è risultato
tutto a posto con la presenza di cromosomi sessuali XY quindi un bel
maschietto. A 5 mesi ho effettuato la strutturale dalla quale è emerso che
sono in attesa di una femminuccia. Abbiamo fatto tutte le analisi necessarie
tra cui amniocentesi ed è, fortunatamente, tutto ok. Siamo solo in attesa
di informazioni da parte del centro. Come è possibile che ci sia stato un
errore del genere?
Cristiana De Petris
Cristiana De Petris

Gentile signora,
prima di tutto va ribadito che il test non è diagnostico ma di screening e che comunque un margine di errore, seppur veramente minimo, è contemplato.
Detto questo il risultato del sesso discordante dalla morfologica può essere dovuto anche ad altri fattori, diversi dall’errore, come ad esempio il cosiddetto “vanishing twin”. Si tratta del caso in cui la gravidanza parte come gemellare (ovviamente il ginecologo può anche non accorgersene perché si può interrompere davvero molto molto presto) e dopo poco uno dei due feti viene riassorbito. Cosa succede? Quando eseguo il prelievo per il DNA fetale si trovo il DNA del feto ancora in vita e anche quello del feto riassorbito. Magari il feto riassorbito era maschio e di conseguenza c’è ancora in circolo il cromosoma y . Il test, dunque, potrebbe dare quello che potremmo definire uno “pseudo-falso”. Viene cioè identificata la “y” entrata in circolo inizialmente data la presenza di un feto maschio, che però purtroppo non c’è più.
Nella mia esperienza clinica vi è poi il caso del trapianto d’organo. La signora aveva subito un trapianto di rene ed il donatore era maschio. Io le dissi ovviamente che non potevamo darle informazioni sul sesso perché sicuramente avremmo riscontrato la presenza di un cromosoma y del donatore, quindi il risultato non sarebbe stato attendibile.
Non so se sono stata chiara, l’argomento è ampio ma ecco perché è fondamentale fare un buon counseling alle pazienti prima di eseguire il prelievo. Ovviamente, ripeto, c’è poi c’è lo 0,1% di possibilità di fallimento del test, che non è diagnostico. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti