Maschio o femmina? Che fare se NIPT test ed eco danno risultati discordanti?

Professor Giovanni Porta A cura di Professor Giovanni Porta Pubblicato il 19/02/2020 Aggiornato il 19/02/2020

Se dall'esame del Dna fetale isolato nel sangue materno risulta che il bimbo è maschio, mentre la "morfologica" visualizza una bambina occorre consultare un genetista.

Una domanda di: Francesca
Sono alla 21 settimana di gravidanza. Alla 12 settimana ho eseguito il Nipt test per il dna fetale ( il sesso del feto risultava maschio) alla 21 settimana eseguo la morfologica ma la mia ginecologa mi riferisce che il sesso del feto è femminuccia. Per tale ragione mi hanno consigliato di eseguire l’amniocentesi per escludere varie patologie cromosomiche sul sesso. E’ mai possibile che il test possa sbagliare la presenza o meno del cromosoma XY invece di XX? È giusto procedere con l’amniocentesi?
Giovanni Porta
Giovanni Porta

Cara signora,
in alcune condizioni sono possibili dati discordanti tra il risultato del test del DNA fetale su sangue materno (NIPT, Non Invasive Prenatal Testing) e l’assetto cromosomico effettivo del feto. Tale discordanza può essere dovuta a un errore tecnico del laboratorio che ha eseguito l’esame o a varie motivazioni biologiche che interessano il feto, la placenta o la madre. Per quanto riguarda la determinazione del sessso fetale, l’accuratezza del test NIPT può superare il 99 per cento. Nel caso in cui l’ecografia morfologica evidenzi dati discordanti, sarà dunque opportuno consultare al più presto un medico genetista che possa valutare insieme al ginecologo come procedere. L’amniocentesi è senza dubbio da effettuare. Mi tenga informato, se lo desidera. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti