Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il Aggiornato il 18/01/2019

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.

Una domanda di: Valentina
Ho una figlia di 9 mesi che ancora allatto. Vorrei sapere se posso fare dei massaggi anticellulite in un centro estetico (con creme che possono essere usate in allattamento, non controindicato quindi) o se sono da evitare in quanto ho letto che possono favorire l’eliminazione di tossine (che ho paura finiscano nel latte). Vorrei inoltre sapere se sempre per contrastare la cellulite posso fare la cosiddetta “coppettazione” (quest’ultima l’ ho sempre fatta a casa comprando la famosa coppetta anticellulite che vendono online) o se anche questa cosa è
controindicata. Purtroppo solo ora mi sono sorti questo dubbi. Preciso che i prodotti che uso sono sicuri (olio di mandorle o creme specifiche per
allattamento) il mio dubbio riguardava solo i massaggi. Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora mamma, benissimo che lei stia “ancora” allattando una bimba di nove mesi…oserei dire che il bello viene proprio ora e che vale la pena proseguire perché certamente l’allattamento prolungato avrà un benefico influsso anche sulla cellulite che tanto la preoccupa.
A mio parere, nel suo caso, si tratta piuttosto di un piccolo ricordo della gravidanza appena conclusa, destinato a sparire in breve tempo se prosegue ancora alcuni mesi con l’allattamento al seno (naturalmente insieme alle prime pappe dello svezzamento!)…non abbia timore di viziare la sua bimba, la prego, tutti i bimbi si staccano dal seno prima o poi!
Presto o tardi il bimbo (o la mamma) capisce che è ora di smettere, ma nel frattempo lei avrà protetto la sua bimba da innumerevoli infezioni e si sarà anche regalata un po’ di salute in termini di prevenzione del tumore del seno e dell’ovaio, del diabete, dell’osteoporosi…e avrà recuperato senza dubbio il suo peso forma quasi senza sacrifici!
Quanto ai massaggi, non si preoccupi: sono di sicuro compatibili.
Se anche dovessero muovere delle tossine, sono soprattutto convinta che libereranno altresì le endorfine, ormoni legati al rilassamento e al piacere.
Per una mamma che allatta e regala coccole dalla mattina alla sera alla sua bimba (senza trascurare il papà, se no le diventa geloso) concedersi un trattamento di bellezza per farsi “coccolare” un po’ non può che far bene, non crede?
La mia massima è semplice: il bimbo sta bene se sta bene la mamma.
Tutto quello che l’aiuta in termini di benessere é bene accetto perché si riflette positivamente anche sulla bimba di cui lei si prende cura di certo con grandissima dedizione.
Non so darle indicazioni specifiche sulla “coppettazione” ma presumo che chi la pratica nel centro estetico possa indicarle meglio di me l’eventuale controindicazione per la mamma che allatta al seno.
Resto a disposizione se desidera, spero di averla aiutata, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Elisa Valmori
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti