Mifepristone: si può assumere durante l’allattamento?

Dottor Antonio Clavenna A cura di Dottor Antonio Clavenna Pubblicato il 24/05/2022 Aggiornato il 24/05/2022

Il farmaco che contrasta l'azione del progesterone impedendo il proseguimento della gravidanza passa nel latte materno in quantità molto basse.

Una domanda di: Madelaine
Oggi dovrei prendere il primo farmaco per la IVG (interruzione volontaria della gravidanza), posso continuare ad allattare o è pericoloso per il bimbo? Grazie mille.
Antonio Clavenna
Antonio Clavenna

Gentile signora, i dati disponibili indicano che il mifepristone, che è il principo attivo in grado di bloccare l’effetto del progesterone, impedendo così il proseguimento della gravidanza, passa nel latte materno in basse quantità ed è generalmente considerato compatibile con l’allattamento. Se la dose di farmaco è 200 mg, la dose che si rileva nel latte è pressoché trascurabile. Faccia comunque presente al medico che sta allattando. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti