Mestruazione finta o vera?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 04/11/2022 Aggiornato il 04/11/2022

Sono dette "finte mestruazioni" le più che modeste perdite di sangue che possono manifestarsi 12-14 giorni dopo il concepimento.

Una domanda di: Chiara
Vorrei chiedervi un parere per una situazione che mi ha creato molta ansia dopo aver letto alcune cose sul web. Ho un ciclo solitamente molto regolare di 29 giorni, che è sempre stato abbastanza abbondante, ho avuto tre rapporti non protetti la notte del 15, (giorno di probabile ovulazione) il 17 ed il 20 ottobre premetto che non sono stati rapporti completi poichè ci siamo fermati molto prima che il mio ragazzo potesse venire.La sera del 28 ottobre ho notato pulendomi, del muco marroncino sulla carta e il giorno dopo il 29 si sono presentate le mestruazioni che però ho notato essere diverse dal solito, erano più acquose e il ciclo più scarso, il colore era rosso vivo tendente al rosa, ho trovato anche dei coaguli e dei filamenti. Le mestruazioni sono durate 3 giorni in modo “continuativo” il quarto giorno sembrava fossero terminate invece poi l’assorbente si è macchiato nuovamente e il quinto giorno ovvero ieri sembrava nuovamente finito fin quando ho avuto nuovamente una perdita di sangue rosso. Ad oggi sembra che il ciclo sia terminato. Per via di queste mestruazioni diverse e più scarse del solito, leggendo su internet di false mestruazioni o perdite da impianto e della possibilità del liquido pre eiaculatorio di fecondare mi sono preoccupata del fatto che potesse essere il mio caso ed ho effettuato un test di gravidanza il 31 ottobre, risultato negativo. Sarebbe il caso di ripeterlo?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile Chiara, in genere quelle che lei definisce “false mestruazioni” sono perdite di sangue che possono verificarsi circa 12-14 giorni giorni dopo il concepimento, qualora durante l’annidamento dell’embrione nell’utero, che avviene appunto circa dopo 12-14 giorni dall’incontro tra spermatozoo e ovocita, dovesse rompersi qualche sottile vaso sanguigno dell’endometrio, che è il tessuto di rivestimento interno dell’utero. La differenza sostanziale con le mestruazioni vere e proprie e quelle finte sta nella quantità di sangue espulso, che nel secondo caso è veramente scarsa (in realtà sono proprio goccioline di sangue, non si può parlare di vero flusso ematico). Di solito, inoltre, le finte mestruazioni durano molto meno delle vere. Premesso tutto questo, se lei non è tranquilla ripeta il test di gravidanza sulle urine tra qualche giorno. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti