Mestruazioni che non si arrestano: che fare?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 19/02/2021 Aggiornato il 19/02/2021

Se le perdite di sangue continuano per giorni e giorni occorre intervenire per arrestarle, eventualmente assumendo un antiemorragico, che spetta al medico prescrivere.

Una domanda di: Stefania
Buongiorno Dottoressa,
dal 3 gennaio, data in cui ho avuto il ciclo, le perdite mestruali non si sono mai arrestate. Ho eseguito colposcopia ed ecografia transvaginale e la
dottoressa mi ha prescritto il Dufaston 10mg e mi ha fatto prenotare una
isteroscopia con biopsia ma le perdite ematiche sono aumentate in modo
ingestibile (per cui ho spostato l’isteroscopia). Sono corsa al pronto
soccorso e dopo una ulteriore ecografia mi hanno cambiato la terapia con il
Farlutal 20 mg da prendere per 10 giorni. Nel frattempo ho spostato
l’isteroscopia al 12 marzo. Farlutal iniziato il 14 febbraio, continuo
ancora ad avere perdite come se fosse un ciclo abbondante. Dopo quanti
giorni di assunzione del Farlutal il flusso si fermerà?
Giusto per capire se ci vuole tempo o se invece anche questa terapia non sta
andando a buon fine. Grazie per un suo riscontro.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, in realtà non le so dire quando il flusso mestruale si fermerà con la terapia in atto ossia Farlutal 20 mg al giorno.
Il sanguinamento mestruale eccessivo o meno-metrorragia di solito si verifica in pre-menopausa…lei non mi ha precisato la sua età…sta di fatto che non si può certo aspettare che lei abbia bisogno di una trasfusione di sangue per intervenire!
Le segnalo questo sito internet che riassume le terapie più efficaci per questo tipo di problema:
https://www.saperidoc.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/321
In attesa che il Farlutal faccia il suo effetto, direi che potrebbe valere la pena di assumere anche Tranex ossia acido tranexamico come anti-emorragico in modo da contenere prima e meglio il sanguinamento, in vista dell’isteroscopia.
Il dosaggio di Tranex per il trattamento della menorragia è di 1 g (2 compresse da 500 mg), 3-4 volte al dì, per 4 giorni.
Altra informazione che sarebbe stato interessante avere (oltre alla sua età) è che spessore di endometrio abbiano trovato all’ecografia in pronto soccorso…ad ogni modo mi sento di tranquillizzarla in quanto molto probabilmente si tratta di un sanguinamento da disfunzione ormonale, anche se naturalmente è opportuno sottoporsi all’isteroscopia per escludere che vi sia una degenerazione maligna nel tessuto endometriale.
Capisco la sua preoccupazione di fronte a queste ingenti perdite ematiche, in caso avvertisse debolezza o affaticabilità le consiglio di assumere alimenti ricchi di ferro (carne, pesce e/o legumi) se possibile in combinazione con fonti di vitamina C (ad esempio, succo di limone) che ne facilitano l’assorbimento.
Spero di esserle stata di aiuto, a disposizione se desidera per ulteriori chiarimenti, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti