Mestruazioni che si prolungano molto dopo un aborto

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 10/07/2024 Aggiornato il 10/07/2024

Un'ipermenorrea (mestruazioni che si protraggono per più di una settimana) che si manifesta da alcuni mesi deve suggerire un controllo ginecologico ed eventualmente l'esecuzione di alcuni esami del sangue volti a verificare l'attività ovarica e la funzionalità della tiroide.

Una domanda di: Katia
Salve, è normale che dopo un’interruzione di gravidanza (avvenuta a metà febbraio) il ciclo mestruale duri più a lungo (inizialmente solo perdite poi il flusso diventa un pochino abbondante), ho sempre avuto un ciclo mestruale di 4/5 giorni, dopo l’interruzione il ciclo da diversi mesi mi dura dai 10 ai 15 giorni. Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, a mio parere sarebbe opportuno indagare meglio questo ciclo mestruale che si è allungato di diversi giorni da quando ha avuto l’aborto. Potrebbe esserci bisogno di qualche esame del sangue ormonale per verificare meglio l’attività delle sue ovaie oppure escludere patologie alla tiroide o ancora a carico della prolattina. Lei nota l’ovulazione tra una mestruazione e l’altra? Sarebbe molto interessante fare caso ai sintomi della fertilità (tipicamente il muco cervicale e la sensazione che questo procura a livello dei genitali esterni) e imparare ad osservarli quotidianamente. Ad oggi sono riconosciuti come validi sia il metodo dell’ovulazione Billings che il metodo sintotermico nelle due varianti Camen o Roetzer. Si possono incontrare personalmente le insegnanti qualificate di questi metodi, per imparare le rispettive regole di utilizzo (l’insegnamento solitamente è gratuito): si tratta di alcuni incontri individuali (aperti alla coppia, naturalmente), con eventualmente la possibilità di effettuarli online. L’aspetto unico di questi metodi, sta nel loro essere “double face”: possono infatti essere utilizzati sia per evitare che per ricercare la gravidanza a seconda delle intenzioni della coppia, senza effetti collaterali di nessun tipo sul rapporto sessuale, anzi facilitando la complicità di coppia. Spero di averle dato una risposta soddisfacente, rimango comunque a disposizione, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti