Mestruazioni dopo un aborto spontaneo

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 11/06/2024 Aggiornato il 11/06/2024

In genere le mestruazioni ritornano dopo alcune settimane da un aborto, ma questo vale come dato indicativo e quindi non applicabile in tutti i casi.

Una domanda di: Maria
Il 4 maggio ho avuto quella che a mio parere era una mestruazione (arrivata dopo 28 giorni, durata 4 e della quantità di sempre); il 9 sento i tipici segni dell’ovulazione e abbiamo rapporti il 9 e l 11, il 17 durante la notte avverto diverse fitte al basso ventre e un poco di spotting rosso di poche gocce. Avendo sempre nausee leggere in quei giorni decido di fare un test sulle urine, di quelli canadesi, il giorno 21 e risulta immediatamente positivo, quindi il giorno seguente effettuo test su sangue che da un esito di 3275. Il mio ginecologo un poco pensieroso mi fa ripetere le beta dopo 72 ore che risultano 1307 e durante il pomeriggio dello stesso giorno iniziano crampi molto forti al basso ventre a sinistra. In pronto soccorso ginecologico mi ricoverano per GEU (gravidanza extrauterina) nella tuba sinistra e mi tengono tre giorni in osservazione, le beta scendono a 330 e mi dimettono con esito di risoluzione spontanea e afferiscono la gravidanza al mese precedente. Ora mi chiedo, come è possibile che io abbia avuto delle mestruazioni e una ovulazione nel frattempo? O se fosse stato un aborto, il 4 maggio è possibile che io abbia ovulato ugualmente anche se la gravidanza nella tuba sinistra era ancora presente? E se così fosse c’è stata la possibilità che si instaurasse un’altra gravidanza che ancora non risulta visibile? Il seno mi da ancora fastidio e prurito e i capezzoli hanno cambiato forma come dopo che ho partorito (ho già una figlia di 3 anni), come mai? Ultima cosa, vorrei sapere tra quanto dovrebbero tornare le mestruazioni considerato i valori delle beta e che inizio a riempirmi di brufoli come quando ho il ciclo? Grazie.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, dal punto di vista ecografico la gravidanza è visualizzabile generalmente quando i valori delle beta superano il valore di 1000-1500. È usuale fare un secondo prelievo per vedere se nel secondo i valori aumentano almeno del 30% rispetto al precedente, per poter affermare che la gravidanza è in evoluzione. Nel suo caso sono stati rilevati valori delle beta che, essendo in diminuzione, hanno segnato un aborto spontaneo. Il periodo di tempo necessario affinché le beta scendano fino ad azzerarsi è variabile, anche se mediamente è di alcune settimane. Inquadrerei il suo caso in questa situazione. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza che non si annuncia dopo 7 mesi di tentativi: si deve ricorrera alla PMA?

24/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Di solito, se la coppia è giovane, prima di indagare sulla sua fertilità, si attende che trascorra un anno di tentativi di concepimento andati a vuoto. Qualora il ginecologo suggerisca di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita prima di questo lasso di tempo probabilmente esclude la possibilità...  »

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti