Mestruazioni in ritardo

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 14/12/2020 Aggiornato il 14/12/2020

La prima cosa da fare quando le mestruazioni tardano ad arrivare è il test di gravidanza. Se, ovviamente, si è sessualmente attive.

Una domanda di: Alessandra
Mi dovevano venire le mestruazioni il 24 novembre, le precedenti sono state il 22 ottobre ma ancora nulla, Sono abbastanza regolare con il cambio di stagione a volte ritardano di anche di10 giorni ma il 4 asciugandomi dopo aver fatto pipì ho notato delle macchie di sangue sulla carta, molto lievi sul rosa. E’ successo solo quella volta: cosa sta succedendo ?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile lettrice,
se le mestrauazioni non fossero ancora arrivate faccia il test di gravidanza: va bene quello che fai-da-te che si esegue sulle urine. Dopodiché se dovesse risultatre negativo e l’amenorrea dovesse continuare, le consigio un controllo dal suo ginecologo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti