Mestruazioni in ritardo, bruciori e test di gravidanza negativo

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 08/02/2021 Aggiornato il 08/02/2021

Quando il test di gravidanza risulta negativo, ma l'amenorrea persiste associata a sintomi come bruciore e prurito, è opportuno sottoporsi a una visita di controllo.

Una domanda di: Dalila
Ho 25 anni e un bimbo di 4 anni. A giugno ho avuto un aborto con raschiamento. Ho sempre sofferto con il ciclo, mai puntuale e sempre
irregolare. Il mio ciclo va dai 32 ai 35 giorni. Ultimo ciclo il 3 dicembre, rapporto completo il 7 dicembre al 5° giorno di ciclo e poi altri 3
giorni di ciclo. Poi abbiamo avuto in tutto 6 rapporti con coito interrotto nel mese di dicembre. Dal 19 dicembre fino al 31 ho avuto un bruciore
intenso al seno ma non dolente al tatto. Verso il 23 fino al 26 dicembre ho avuto bruciore intimo. Aspettavo il ciclo per il 4 gennaio ma nulla. Ho
fatto 3 test e l’ultimo venerdì con esito negativo. Non ho sintomi in
particolare. Solo una forte secchezza, di
nuovo bruciore intimo e prurito e da ieri sembra attenuarsi. Il mio
ginecologo dice che il ritardo è dovuto a questa infiammazione da miceti.
Dite che è attendibile il test? Purtroppo la sto vivendo con molta ansia.
Poi ho sognato già due volte due test positivi e penso che i 3 test fossero
errati. Dovrei tranquillizarmi e aspettare le mestruazioni? Grazie.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
il suo ginecologo per esprimersi l’avrà di sicuro visitata. Diversamente non avrebbe potuto mettere in relazione il ritardo delle mestruazioni con il bruciore, né attribuire quest’ultimo a un’infezione. I test di gravidanza sono affidabili al 98 per cento, ma è certo che se ancora le mestruazioni non fossero arrivate le suggerisco di effettuare il dosaggio delle beta-hCG nel sangue: così si toglierà ogni dubbio e saprà se il suo sogno era davvero premonitore. Dopodiché ripeterei il controllo ginecologico per comprendere la ragione di questi cicli lunghi e irregolari ed eventualmente per farsi prescrivere una cura utile per debellare l’infezione che le è stata riscontrata (ma forse quest’ultima le è già stata data, anche se non me ne ha parlato). Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti