Mestruazioni in ritardo dopo l’impiego di EllaOne

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 17/01/2022 Aggiornato il 06/09/2022

La pillola "dei cinque giorni" dopo può determinare irregolarità mestruale per qualche tempo.

Una domanda di: Un lettore
Vorrei farvi una domanda molto seria. Il 4 dicembre ho avuto un rapporto non protetto con la mia ragazza. Coito interotto solo che prima di eiaculare sono uscito ho aspettato che passava e lo abbiamo rifatto, eiaculando una volta sola fuori. Nel dubbio il giorni dopo, dopo 44 ore prende la pillola ellaone. Oggi dopo 3 test negativi, il primo effetuato a 24 giorni dal rapporto a rischio e a 5 giorni di ritardo delle mestruazioni, ancora nessuna traccia delle mestruazioni. Cosa potrebbe essere? Stress ? Non credo sia incinta potrebbe essere stata la pillola del giorno dopo che le ha fatto saltare il ciclo o tardare così? Lei non accusa nessun segno di gravidanza, solo dolori da ciclo. Grazie dottore, aspetto una risposta e scusa per il messaggio lungo.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Mancano completamente i riferimenti sul ciclo mestruale della tua ragazza, difficile dire se il rapporto sia stato in un giorno fertile o meno. Non è chiaro nemmeno se la tua ragazza abbia cicli regolari. Certo non si è instaurata una gravidanza ed è presente un ritardo inspiegabile. EllaOne presa prima nei primissimi dei giorni fertili (che sono i 5 che precedono l’ovulazione e il giorno in cui si verifica) può spostare in avanti l’ovulazione e allungare la durata del ciclo. Presa nei giorni più fertili (i due preovulatori e il giorno dell’ovulazione), invece, consente ovulazione e concepimento ma impedisce che il figlio si annidi. EllaOne ha costantemente un’azione anti-progesterone che impedisce all’endometrio di diventare ospitale nella seconda metà del ciclo, che poi si conclude con la mestruazione se non si instaura la gravidanza. In generale, dopo l’assunzione di ellaOne la mestruazioni può anticipareo ritardare di alcuni giorni rispetto al previsto. Il farmaco non è innocuo e, soprattutto se assunto più volte, può accumularsi nel fegato e dare danni gravissimi. Da ultimo, il metodo anticoncezionale che avete usato (il coito interrotto) è del tutto inefficace. Le prossime volte, se vuoi rispettarla consapevolmente, usa benissimo il profilattico e anche esci prima di eiaculare. Può esservi d’aiuto leggere il mio libro “Da vita a vita”. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti