Minaccia d’aborto in sesta settimana: cosa accadrà?

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 02/05/2022 Aggiornato il 02/05/2022

Ci sono gravidanze destinate a un'evoluzione sfavorevole, contro la quale non ci si può fare nulla. In molti altri casi, invece, la minaccia d'aborto si risolve.

Una domanda di: Barbara
Sono a 6 settimane e questa mattina mi sono svegliata con forti crampi al basso ventre e abbondanti perdite ematiche.
Mi sono recata al pronto soccorso, esito “gravidanza in evoluzione a 6 settimane con battito, trofoblasto disomogeneo per area di mancato accollamento in regione fundica di 10 mm, consigliato progesterone spasmex e ugurol”.
Da cosa dipendono queste perdite che invece di diminuire aumentano sempre più? Solitamente quanto durano ?? Posso sperare in finale positivo? Sono molto preoccupata. Grazie.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Buongiorno signora, la minaccia d’aborto (che lei ha in atto) rappresenta uno degli eventi più frequenti nel primo trimestre di gravidanza. Può essere legata ad una iper contrattilità uterina, ad una carenza di progesterone oppure ad impianto in zona non idoea .
Per questo motivo le terapie antispastiche, procoagulanti e il progesterone sono di aiuto nel risolvere o tentare di risolvere questa condizione di rischio.
Nella stragrande maggioranza dei casi sono situazioni transitorie e che nel giro di 10-15 giorni tendono a risolversi senza alcun danno per la
gravidanza. Ovviamente non siamo in grado di distinguere quei pochi casi che possono avere un’evoluzione sfavorevole (contro la quale purtroppo non c’è nulla da fare), cerchi per questo di essere serena, di effettuare la terapia suggerita e incrociamo le dita per un buon esito. Sperando di essere stato utile, la saluto con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti