Mioma uterino in gravidanza

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 03/12/2020 Aggiornato il 03/12/2020

I miomi uterini possono in genere vanno incontro a un aumento di diemnsione durante la gravidanza, ma controllare le conseguenze che potrebbero derivarne si può.

Una domanda di: Nadia
Sono alla mia prima gravidanza e finora è sempre andato tutto bene. All’ottava settimana ho avuto perdite marroncine e in pronto soccorso mi
hanno dato il progesterone da inserire in vagina la sera… Successivamente ho fatto tutti gli esami inclusa traslucenza e dna e va
tutto bene… L’altra sera alla 12ma settimana+6 ho avuto una perdita ematica e in pronto
soccorso mi hanno detto che il bambino sta bene, però purtroppo hanno trovato questo; SI SEGNALA SCOLLAMENTO ANTERIORE DELL\’AMNIOS. PLACENTA
POSTERO-FUNDICA.. NOTO MIOMA NATEROFUNDICO DI 2 CM.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, leggendo la sua lettera mi sembra che la sua prima gravidanza assomigli ad un percorso ad ostacoli e immagino tutto l’impegno con cui lei sta affrontando tutte queste sfide che da subito le si sono presentate innanzi.
Dato che lei è portatrice di un mioma uterino, è lecito aspettarsi che questo mioma possa non solo accrescersi di volume ma anche facilitare l’utero a contrarsi prematuramente. Il rimedio per mantenere l’utero rilassato è il progesterone ovuli che già le è stato prescritto.
Oltre a ciò, è una buona idea cercare di evitare gli sforzi fisici (a cominciare dal lavoro, a meno che lei sia seduta alla scrivania, oppure i mestieri di casa se è casalinga) e i rapporti sessuali che facilitano direttamente queste contrazioni uterine e vanificherebbero l’effetto del progesterone.
Le direi di non preoccuparsi troppo di questo scollamento della membrana amniotica: è un reperto molto comune ed è altrettanto comune non visualizzarlo più ai controlli ecografici successivi.
Inoltre, la sua placenta viene descritta come ad inserzione posteriore, mentre lo scollamento è a localizzazione anteriore. Questo significa che non sono in alcun modo interessati gli scambi di sangue tra lei e il suo bambino, dato che si verificano nella placenta (tuttora in costruzione: si completa verso la 24° settimana di gravidanza la formazione di questo organo così prezioso).
Lo scollamento amniotico ci avrebbe causato qualche problema qualora lei avesse deciso di sottoporsi a diagnosi prenatale invasiva (intendo la villocentesi o l’amniocentesi) ma dato che la Traslucenza nucale e il test del DNA fetale sono andati bene, immagino non sia più necessario proseguire con questo tipo di accertamenti.
Per concludere, la invito ad essere ottimista: ha già iniziato il secondo trimestre, periodo in cui di solito passano i disturbi dell’inizio della gravidanza e ritornano le energie…anche se dovrà stare a riposo, non necessariamente le toccherà essere allettata! Di solito si usa dire di alternare letto, divano, poltrona…cercando di mantenere le gambe un po’ sollevate da terra così da favorire la circolazione sanguigna. Ci sono parecchi libri per affrontare la gravidanza, il parto e l’avventura meravigliosa di diventare genitori…non ha che l’imbarazzo della scelta! Anche della buona musica può “coccolare” entrambi e, per finire, se trova una ninna nanna che le piace particolarmente, inizi a cantarla fin da ora così sarà la chiave per far addormentare serenamente il suo piccolo una volta nato.
Spero di averla aiutata, cordialmente,

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Preoccupata per la dimensione della camera gestazionale

26/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se al termine della 1uinta settimana di gravidanza già si individua l'embrione (con il cuoricino che batte) si è autorizzati a sperare in un'evoluzione favorevole della gravidanza, anche se la camera gestazionale è più piccola rispetto alla norma.   »

Fattore V di Leiden e vaccino anti-CoVid-19

26/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Il vaccino contro il Coronavirus non è controindicato alle persone colpite da un problema di coagulazione del sangue.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti