Mioma uterino: può compromettere la gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 01/03/2023 Aggiornato il 13/03/2023

Non c'è la sicurezza che un mioma (o fibroma) possa causare un aborto spontaneo, tuttavia è vero che può sia ostacolare direttamente l'impianto dell'embrione e anche favorire l'insorgenza di contrazioni uterine pericolose.

Una domanda di: Angelica
Salve dottoressa, purtroppo questa settimana ho avuto un aborto spontaneo ed ero alla fine della sesta settimana. Vorrei sapere quanto devo aspettare per riprovare a cercare una gravidanza e se sia possibile che la presenza di un mioma nell’utero abbia provocato il distacco della placenta e di conseguenza l’aborto.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora, intanto coraggio per quello che le è appena capitato…non è per nulla facile affrontare questa perdita! Di solito all’inizio della gravidanza soltanto pochi sanno la bella notizia e quando questa si interrompe non si può contare sul sostegno di amici e parenti ma quasi solo unicamente su quello del proprio compagno. Cercate di essere uniti e di confrontarvi apertamente su quello che entrambi state vivendo: sono convinta che questo scambio potrà rafforzare la vostra unione e porre le basi per rimettersi in viaggio alla ricerca di un nuovo figlio. Rispetto alle domande che mi ha posto mi mancano alcuni elementi ma cerco di risponderle. Immagino questa fosse per lei la prima gravidanza e che non abbia subito il cosiddetto raschiamento dell’utero. Se così fosse, la gravidanza si potrebbe in teoria ricercare dopo la prossima mestruazione (ossia aspettando solo un mese di tempo), naturalmente ricordandosi di assumere l’acido folico quotidianamente nel dosaggio suggeritole dal Curante (solitamente si consiglia quello da 400 microgrammi al giorno, da assumere se possibile lontano da the e latticini). Dato che però mi parla di un mioma uterino, bisogna confrontarsi con il ginecologo curante per capire se sia opportuna la rimozione di questo mioma ed eventualmente per che strada. Preciso che non possiamo essere sicuri che sia stato solo il mioma a causare l’aborto spontaneo ma è vero che la presenza del mioma può sia ostacolare direttamente l’impianto che facilitare l’insorgenza di contrazioni uterine, capaci di compromettere la gravidanza stessa. Hanno di solito indicazione alla rimozione i miomi di più grosse dimensioni (specie se la paziente è sintomatica oppure desidera prole) e quelli situati in sede sottomucosa o intramurale (ossia rispettivamente nello strato più interno e intermedio dell’utero). I miomi sottomucosi poi si rimuovono per via isteroscopica ossia passando dal canale vaginale, quelli intramurali, ossia collocati nel contesto del muscolo uterino, vengono asportati per via laparotomica quindi passando dalla parete addominale. Chiaramente, occorre una valutazione mirata del Curante per discutere insieme il da farsi alla luce del suo desiderio di gravidanza. Pertanto, darei la priorità a questa visita ginecologica preliminare, così da capire insieme anche come regolarsi per il prossimo futuro. Spero di averla aiutata e consolata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti