Mononucleosi e sforzi fisici

Professor Matteo Bassetti A cura di Professor Matteo Bassetti Pubblicato il 23/02/2021 Aggiornato il 23/02/2021

In caso di mononucleosi si può fare tutto (attività sessuale compresa): basta non esagerare.

Una domanda di: Alessia
Vorrei farle una domanda in merito agli sforzi da fare durante la mononucleosi. So che non bisogna sforzarsi troppo, una volta passata la fase acuta della malattia posso avere rapporti sessuali e non con il mio ragazzo? O sono ritenuti degli sforzi che possono compromettere la milza ed il fegato ?

Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Gentile Alessia,
può fare quello che si sente senza esagerazioni. E questo può essere riferito anche all’attività sessuale. Il punto è infatti di non compiere attività che aumentino il senso di spossatezza o che impongano di sforzarsi ad affrontarle. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti