Mononucleosi: l’allattamento deve essere sospeso?

Dottor Pietro Falco A cura di Dottor Pietro Falco Pubblicato il 11/12/2020 Aggiornato il 11/12/2020

L'allattamento al seno non deve essere interrotto in caso di mononucleosi.

Una domanda di: Barbara
Ma se fosse la mamma ad avere la mononucleosi e il bambino ha 6 mesi?
Lo chiedo perché è un mese che mi sento debole e a sera mi si acuisce stanchezza e mal di testa oltre a brividi. Tutto senza febbre (anzi ho fronte calda e temperatura a 35).
Quando ero stata così è stato 4 anni fa proprio per la mononucleosi.
E quindi mi stanno venendo dubbi.
Grazie.
Pietro Falco
Pietro Falco

Gentile signora,
non è ben chiaro il suo queito. Forse vuole sapere se, nel caso in cui avesse la mononucleosi, potrebbe allattare? Se il quesito è questo, la risposta è sì, può allattare perché la mononucleosi non si trasmette attraverso il latte materno ma attraverso la saliva. La mononucleosi si affronta con il paracetamolo, che serve ad alleviare i sintomi. Lei eventualmente lo può prendere al termine della poppata, a seno vuoto, dimodoché il suo organismo abbia il tempo di smaltire il farmaco prima della poppata successiva. Posto tutto questo, la diagnosi di mononucleosi si pone grazie a specifiche analisi del sangue, che potrà prescribvverle il suo medico curante. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti