Mononucleosi: l’allattamento deve essere sospeso?

Dottor Pietro Falco A cura di Dottor Pietro Falco Pubblicato il 11/12/2020 Aggiornato il 11/12/2020

L'allattamento al seno non deve essere interrotto in caso di mononucleosi.

Una domanda di: Barbara
Ma se fosse la mamma ad avere la mononucleosi e il bambino ha 6 mesi?
Lo chiedo perché è un mese che mi sento debole e a sera mi si acuisce stanchezza e mal di testa oltre a brividi. Tutto senza febbre (anzi ho fronte calda e temperatura a 35).
Quando ero stata così è stato 4 anni fa proprio per la mononucleosi.
E quindi mi stanno venendo dubbi.
Grazie.
Pietro Falco
Pietro Falco

Gentile signora,
non è ben chiaro il suo queito. Forse vuole sapere se, nel caso in cui avesse la mononucleosi, potrebbe allattare? Se il quesito è questo, la risposta è sì, può allattare perché la mononucleosi non si trasmette attraverso il latte materno ma attraverso la saliva. La mononucleosi si affronta con il paracetamolo, che serve ad alleviare i sintomi. Lei eventualmente lo può prendere al termine della poppata, a seno vuoto, dimodoché il suo organismo abbia il tempo di smaltire il farmaco prima della poppata successiva. Posto tutto questo, la diagnosi di mononucleosi si pone grazie a specifiche analisi del sangue, che potrà prescribvverle il suo medico curante. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti