Mononucleosi: si possono avere rapporti se entrambi i partner l’hanno contratta?

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 11/03/2024 Aggiornato il 11/03/2024

Non ci sono preclusioni nei confronti dei rapporti sessuali per due partner colpiti dalla mononucleosi in quanto l'infezione dà un'immunità perenne, quindi non vi è il rischio di passarsi e ripassarsi la malattia a vicenda.

Una domanda di: Vittorio
La mia ragazza ha una diagnosi di mononucleosi e il dottore le ha detto di non fare sforzi come ad esempio praticare sport, perché appunto ha la mononucleosi, quindi la mia domanda è: si possono avere rapporti sessuali se entrambe le persone sono infette ?
Fabrizio Pregliasco
Fabrizio Pregliasco

Gentile Vittorio, se sia lei che la sua ragazza avete la mononucleosi potete avere rapporti sessuali, perché la malattia dà un’immunità permanente (salvo il rarissimo caso in cui ci si imbatta in un sierotipo di virus Epstain-Barr diverso) e quindi non correte il rischio del temibile effetto ping-pong, ovvero di rimpallarvi l’infezione a vicenda come può accadere con altre infezioni. L’avete tutti e due, guarirete tutti e due con il passare delle settimane, ci potrebbero volere anche dei mesi, comunque. Tenga presente che il virus della mononucleosi è contenuto nella saliva, quindi è il bacio profondo il veicolo di trasmissione e non i rapporti sessuali. In genere la quantità di virus nella saliva diminuisce molto a 5-7 giorni dalla comparsa dei sintomi, ma in molti casi nella saliva della persona che è stata contagiata il virus permane per molto tempo dopo la scomparsa completa dei sintomi. Posto questo è importantissimo non affaticarsi perché è solo il riposo che protegge dalle complicazioni che può dare la mononucleosi, contro la quale non esistono cure specifiche. Il medico quindi ha dato il consiglio più corretto in assoluto. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti