Morbo di Crohn: il parto può essere naturale?

Dottor Paolo Pantanella
A cura di Dottor Paolo Pantanella
Pubblicato il 20/03/2019 Aggiornato il 20/03/2019

In generale, il morbo di Crohn non costituisce un'indicazione al cesareo.

Una domanda di: Lucia
Salve dottore ho una domanda che riguarda il morbo di Crohn: sono al 5mese di gravidanza e come accennato tempo fa, faccio infliximab consigliato fino alla 24 esima settimana e non oltre. Vorrei sapere se posso affrontare tranquillamente il parto naturale (se ovviamente sto bene) o se ci possono essere complicanze e recidive dovute agli sforzi da parto? Di solito in casi come il mio è consigliato (o più opportuno) il cesareo? Grazie mille.
Paolo Pantanella
Paolo Pantanella

Cara signora,
generalmente non ci sono problemi legati agli sforzi del parto. Posto questo, la situazione deve comunque essere valutata individualmente, per poi decidere in base al caso, ovvero alla particolare condizione. Spetta dunque al suo ginecologo curante decidere il da farsi. Nell’insieme non ci sono comunque particolari differenze rispetto ad una mamma che non ha il Crohn. Mi tenga aggiornato. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.


Scrivi a: Paolo Pantanella
Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sbadigli nel sonno: è normale che accada?

Durante il sonno, lo sbadiglio non è immediatamente giustificabile. Per comprendere perché un bimbo sbadiglia dormendo, occorre prendere in considerazione vari aspetti.   »

Nonni che baciano sulla bocca il bambino: che grande sbaglio!

Il bacio sulla bocca è un gesto che appartiene al mondo degli adulti, quindi è sbagliato che i nonni se lo scambino con i nipotini. A maggior ragione se la mamma lo ha vietato.   »

Cosa deve mangiare a un anno di vita?

Le più recenti linee guida suggeriscono che dallo svezzamento in avanti il bambino dovrebbe mangiare gli stessi pasti del resto della famiglia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti