Morbo di Crohn in gravidanza: la cura si può proseguire?

Dottor Paolo Pantanella A cura di Dottor Paolo Pantanella Pubblicato il 04/01/2019 Aggiornato il 04/01/2019

La cura per controllare il morbo di Crohn va proseguita anche durante i mesi dell'attesa.

Una domanda di: Lucia
Salve dottore vorrei un suo parere per quando riguarda l’uso di infliximab
in gravidanza, se può essere somministrato o meno e le eventuali
precauzioni. Ovviamente il problema per cui lo assumo è il morbo di Crohn. Io ne faccio uso da 5 anni e per ora sto bene. Ora mi trovo al 2
mese di gravidanza. Mi dà una sua opinione? Grazie mille.
Paolo Pantanella
Paolo Pantanella

Cara signora,
gli studi confermano che l’Infliximab è un farmaco che non aumenta i rischi di aborto, prematurità e malformazioni insiti naturalmente nelel gravidanze. Per cui è bene continuarlo perchè la riattrivazione della malattia è assai più pericolosa di quanto non lo sia non assumerlo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La “piaghetta” del collo dell’utero ostacola il concepimento?

05/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

L'ectropion della cervice non ostacola la possibilità di dare inizio a una gravidanza.   »

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti