Mosche volanti davanti agli occhi

Professor Luca Rossetti
A cura di Professor Luca Rossetti
Pubblicato il 13/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

I puntini scuri in movimento davanti agli occhi a volte diminuiscono spontaneamente, tuttavia può essere necessario abituarsi alla loro presenza perché possono permanere nel tempo.

Una domanda di: Robertina
Da qualche tempo ho delle mosche volanti nere davanti agli occhi. Non appaiono sempre, solo alcune volte nell’arco della giornata. Su consiglio del medico di famiglia ho effettuato gli esami del sangue e controllato la pressione: tutto a posto. Non porto né occhiali né lenti a contatto e ho 42 anni. Da cosa è causato questo disturbo e c’è un modo per risolverlo?
Luca Rossetti
Luca Rossetti

Cara signora, le cosiddette “mosche volanti” sono opacità del corpo vitreo (ovvero una sorta di sostanza gelatinosa che occupa gran parte del volume oculare); di norma è trasparente ma in certe condizioni si formano delle zone opache che l’occhio percepisce come dei corpi mobili fluttuanti. Non hanno nulla a che fare con la pressione (sia arteriosa che oculare). Non si possono togliere (tranne in casi molto particolari). Ci si abitua col tempo e a volte si possono ridurre spontaneamente. La cosa importante è che si possono associare al distacco del vitreo dalla retina e la cosa va sempre controllata dall’oculista che dilaterà la pupilla controllerà che la retina (anche quella periferica) sia normale. Quindi le consiglio senz’altro di effettuare una visita. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Psicofarmaci in gravidanza: si possono assumere?
22/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono psicofarmaci compatibili con la gravidanza e con l'allattamento, quindi non è necessario sospenderne l'assunzione, anche se è opportuno che lo psichiatra li prescriva alla dose minima efficace.   »

Sulla riuscita della PMA
16/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente dall'età della donna.   »

Vaccinazioni: quanto aspettare dopo una malattia febbrile?
02/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Per ottenere la massima risposta immunitaria da una vaccinazione, occorre praticarla quando la condizione di salute del bambino è ottimale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti