Muco marroncino e beta un po’ basse: problemi?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 15/05/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Un solo valore delle beta non basta per formulare ipotesi sull'andamento della gestazione. Ne occorrono almeno due, perché solo se le beta aumentano con il passare dei giorni si può pensare che la gravidanza sia in evoluzione.

Una domanda di: Barbara
Salve, mercoledì facendo il test mi è risultato positivo. Giovedì mattina
sono andata a fare la beta e il valore era 60.
L ultima mestruazione è stata il 03/04 ma il concepimento è avvenuto
intorno al 16.
Sto facendo punture di prontogest in quanto solo quando la mattina vado al
bagno di corpo asciugandomi trovo sulla carta striature di muco
marroncine. Ancora non ho fatto visita in quanto devo prima ripetere la beta.
Pensate ci siamo problemi?

 

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora,
formulare una qualsiasi ipotesi sarebbe un azzardo dopo 10 giorni di ritardo mestruale e con un solo valore delle beta (sia pure bassino per l’epoca di gravidanza). Le beta devono infatti essere ripetute a distanza di qualche giorno, ed è il loro incremento che rende possibile ritenere che la gravidanza sta evolvendo, mentre una loro diminuzione o un loro arresto ci dicono che la gravidanza si è fermata. Per quanto riguarda le perdite che lei descrive, in sé non hanno un significato patologico, anche se in generale un sanguinamento (perché di questo si tratta se le perdite sono marroncine) non è un buon segno. Non mi scrive perché il collega le ha prescritto il progesterone, tuttavia si fidi di lui: se le ha dato questa indicazione significa che è opportuna. Per il resto, dobbiamo aspettare il prossimo dosaggio delle beta e poi l’ecografia. Mi faccia sapere, tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti