Mutazione in eterozigosi dell’MTHFR: quali cure in gravidanza?

Dottor Francesco Maria Fusi A cura di Dottor Francesco Maria Fusi Pubblicato il 03/10/2022 Aggiornato il 03/10/2022

Le mutazioni in eterozigosi dell'MTHFR sono frequentissime e in genere non impongono trattamenti particolari.

Una domanda di: Anna
Salve, ho scoperto di essere incinta alla 5 settimana e siccome presento la mutazione A1298C in ETEROZIGOSI vorrei sapere se oltre all’acido folico (sto assumendo MULTICENTRUM MAMMA) sia consigliabile assumere anche altro, come ad esempio CARDIRENE 160 mg, al fine di evitare eventuali trombosi che potrebbero causare un aborto. Grazie.
Francesco Maria Fusi
Francesco Maria Fusi

Gentile signora, le mutazioni in eterozigosi dell’MTHFR sono frequentissime e non hanno significato clinico. Solo in presenza di omocisteina alta, che in genere si ha con la omozigosi, si fa una terapia con acido folico e vitamina B12. Non viene considderato utile l’utilizzo di antiaggreganti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti