Mutazioni trombofiliche: impongono il cesareo?

Professoressa Anna Maria Marconi A cura di Professoressa Anna Maria Marconi Pubblicato il 30/08/2021 Aggiornato il 30/08/2021

Secondo le linee guida, le mutazioni trombofiliche non sono un'indicazione al cesareo, ma è al ginecologo curante che spetta decidere in base al singolo caso.

Una domanda di: Emi
Salve dottoressa, sono a 35 settimane e 3 giorni.
Sono affetta da 5 mutazioni genetiche per quanto riguarda la trombofilia.
Assumo tutti i giorni l’aspirinetta ma nonostante questo nell’ultimo mese i valori del d-dimero e fibrinogeno sono aumentati e continuo sempre ad avere l\emoglobina bassa.
Lei cosa mi consiglierebbe di fare?
Cercare di fare un cesareo o un naturale posso affrontarlo?
Purtroppo la mia ginecologa di riferimento non c’è e non so cosa fare, se potesse darmi anche un consiglio generale le sarei grata.
Grazie ancora per la disponibilità.
Anna Maria Marconi
Anna Maria Marconi

Gentile signora, sia il D dimero che il fibrinogeno aumentano fisiologicamente durante la gravidanza. Purtroppo non mi segnala quali siano le mutazioni della trombofilia presenti, quindi non so dirle se la terapia che sta attualmente facendo sia quella più giusta. In ogni caso, la presenza di mutazioni trombofiliche non è una indicazione per un taglio cesareo. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Terzo cesaeo dopo due cesarei complicati: è possibile?

01/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Senza dubbio, un terzo cesareo dopo due cesarei che hanno determinato complicazioni espone a dei rischi, che è bene ponderare prima di decidere per una terza gravidanza.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti