Nato in 38^ settimana: era davvero pronto?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 30/04/2024 Aggiornato il 30/04/2024

La gravidanza in 38^ settimana è considerata a termine, quindi è corretto assecondare il parto se si rompono le acque in quest'epoca.

Una domanda di: Laura
Ho un dubbio che mi affligge. La mia data presunta del parto era il 10 Maggio, ma mi si sono rotte le acque 2 settimane prima
esattamente a 38 settimane e 1 giorno. Sono caduta tra le doghe del letto in piedi senza farmi male dato che il letto è basso e non ho sbattuto da
nessuna parte semplicemente caduta in piedi tra le doghe. (Impatto non fortissimo).
Dopo qualche minuto ho sentito della “pipì” uscire , veramente poca, non sono riuscita a fermarla alche ho subito pensato alla rottura delle acque.
Mi sono recata in ospedale e hanno fatto un test che è risultato positivo, era liquidò amniotico. Dato che non sono entrata in travaglio dopo 24 ore
spontaneamente mi hanno indotto. Ora ho un dubbio che mi affligge, puòessere che alla datazione ed ecografia della misurazione con annesso calcolo
delle settimane si siano sbagliati? E che quindi io abbia concepito effettivamente prima? Può la caduta aver influito sulla perdita di liquido
amniotico? Dato che dopo quell’episodio nient’altro è uscito. Assorbente asciutto! E che effettivamente il bambino non fosse pronto a nascere per
quello nessuna contrazione è avvenuta?
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Cara signora,
in 38^ settimana la gravidanza è considerata a termine. Non comprendo bene la ragione dei suoi dubbi: il bambino è nato con problemi?
Hanno dovuto metterlo in incubatrice? Non credo, visto che non mi scrive nulla al riguardo. In ogni caso la procedura che è stata seguita è quella
corretta, non si poteva rischiare che lei perdesse tutto il liquido amniotico, lasciando il bambino senza questa naturale indispensabile
protezione. Ma se è andato tutto bene, il suo bambino è sano di che cosa si sta preoccupando? Non so dirle se è stata la caduta a determinare la rottura
delle acque, del resto sinceramente non riesco a immaginare come sia possibile cadere tra le doghe del letto rimando in piedi, comunque sia se
afferma che non ha preso colpi di nessun genere non possiamo neanche attribuire a questa scivolata la rottura delle acque. Credo sia più probabile, quindi, che si siano rotte spontaneamente. Direi di godersi la maternità, senza dare spazio a timori che non hanno ragione di esistere. Cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti