Bimbo che vuole essere cullato per addormentarsi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/02/2018 Aggiornato il 12/02/2018

Un bambino che per addormentarsi ha bisogno di essere cullato va assecondato. Le coccole della buona notte e le vecchie, sagge ninnananne fanno bene al cuore e al cervello dei piccolini.

Una domanda di: Lys
Colgo l’occasione per ringraziarla in anticipo.
Il mio dubbio riguarda il sonno del mio bimbo che ha appena compiuto 6 mesi.
Quando è nato dormiva praticamente solo in braccio (forse causa coliche) per noi era esasperante la situazione. Poi con pazienza pian pian siamo riusciti a farlo dormire nella culla. Ma persiste il fatto che lui ha problemi ad addormentarsi da solo: mai successo. E prima di dormire lui piange sempre. E bisogna cullarlo nella culla o nel passeggino anche per 40 minuti, durante i quali prima di addormentarsi si lamenta. Esempio si addormenta alle 20, ma durante la notte si sveglia ancora, nonostante mangi la pappa serale. Non gli do il biberon della buona notte per non svegliarlo e anche perché il nostro pediatra ci ha suggerito di abituarlo a non mangiare più la notte,ma sarebbero 12 ore a digiuno.
Infatti si sveglia spesso e dobbiamo riaddormentarlo. Può darmi un consiglio o dirmi se sbagliamo qualcosa?
Per noi è importante che lui dorma bene. Grazie mille
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma, forse la deluderò ma quello che mi racconta non sta a significare che il suo bambino non dorme bene. Il fatto che si svegli alcune volte durante la notte è normale all’età di suo figlio ed è giusto consolarlo chinandosi sulla culla, per fargli sentire la presenza della mamma o del papà, senza però dargli il biberon di latte, di cui se mangia regolarmente non ha alcun bisogno. Tenga presente che se si addormenta alle 20 di sera alle 4 del mattino ha già dormito otto ore! Potrebbe provare ad anticipare la cena e a dargli un po’ di latte prima della nanna, che forse dovrebbe spostare alle 21. Posto tutto questo, continui a cullarlo: la vecchia e saggia ninna nanna, le coccole della mamma prima di addormentarsi fanno bene al cuore e al cervello, rilassano e favoriscono il sonno. Le ninna nanne rimangono nella memoria cerebrale e il mio consiglio è di non toglierle al suo bimbo. Per quanto riguarda la sua abitudine di lamentarsi prima di scivolare nel sonno potrebbe anche dipendere dal fatto che percepisce il vostro nervosismo, la vostra fretta di vederlo addormentato. E’ solo un’ipotesi ovviamente! Per finire, provi a fargli il bagnetto di sera, prima di cena, perché in qualche caso tranquillizza il bambino: vale, però, solo se gradisce stare nella vaschetta e il contatto con l’acqua, altrimenti è meglio evitare. Cara mamma, guardi che capisco benissimo la sua difficoltà: le continue interruzioni del sonno notturno sono pesanti da sopportare, ma può essere certa che gradualmente la situazione migliorerà. Nel frattempo cerchi di dormire ogni volta che può, approfittando magari dell’occasionale presenza dei nonni in casa. Mi scriva ancora, se vuole. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti