Non resto (ancora) incinta: che fare?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 07/03/2019 Aggiornato il 07/03/2019

Dopo i 40 anni, se la gravidanza non si annuncia dopo alcuni mesi di tentativi può essere consigliabile sottoporsi a indagini mirate a valutare la fertilità di coppia, senza lasciar trascorrere altro tempo.

Una domanda di: Rosa
Salve, avrei bisogno di un aiutino. Sono una donna di 42 anni, io e il mio compagno vorremo avere un figlio, ho letto tanto sui giorni feriti, ovulazione per il concepimento, ho provato anche con gli stick, ma dopo svariati tentativi ad oggi ancora nulla. Il mio ciclo non è precisissimo, a volte 24 giorni, altre volte anche 26 giorni, le perdite per riconoscere l’ovulazione non sempre sono bianche giallastre, mi è capitato di averle anche marroncino scuro. Quando calcolo i giorni fertili mi tengo ampia con i conteggi. Potete aiutarmi, grazie.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile lettrice,
se tutto va bene in relazione alla fertilità di coppia, tre rapporti sessuali alla settimana per tutto l’arco del mese possono essere sufficienti per determinare l’inizio di una gravidanza. Saper riconoscere il periodo fertile, che si manifesta con la comparsa di secrezioni vaginali simili all’albume dell’uovo, è una buona cosa perché consente di avere rapporti sessuali più mirati: è infatti quando c’è presenza di muco fertile che gli spermatozoi possono raggiungere agevolmente le tube dove avviene la fecondazione. Premesso tutto questo, data la sua età è forse opportuno che lei e anche il suo compagno vi sottoponiate alle prime indagine per escludere la presenza di un qualsiasi ostacolo al concepimento. Diciamo cioè che è meglio non attendere troppo, perché il passare del tempo può contribuire a peggiorare un’eventuale situazione non del tutto felice rispetto alla possibilità di avere un figlio. Le consiglio quindi di rivolgersi al suo ginecologo che saprà indicarle gli accertamenti del caso. Mi tenga informato, se lo desidera. Tanti cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo nato prematuro con broncodisplasia severa: quando potrà fare a meno dell’ossigeno?

19/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Non è quasi mai possibile prevedere quando un piccolissimo con un severo problema all'apparato respiratorio potrà rinunciare al supporto dell'ossigeno.   »

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti