Non riesco a rimanere incinta dopo due mesi di tentativi

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 15/01/2020 Aggiornato il 15/01/2020

Non ci si può aspettare di dare inizio a una gravidanza immediatamente dopo averlo deciso: un'aspettativa così alta oltre a essere poco realistica è destinata a generare stress e lo stress è un grande nemico della fertilità.

Una domanda di: Immacolata
Salve, ho preso la pillola del giorno dopo due mesi fa ed ora che ho decisoche desidero un bambino non riesco a rimane incinta. Ho già due figli, la prego mi aiuti.

Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile lettrice,
al di là dell’assunzione del contraccettivo di emergenza, che al massimo può indurre irregolarità mestruale in particolare nel primo mese successivo all’assunzione, deve tenere più che presente che il corpo della donna, in relazione al concepimento, non agisce come una lampadina che si accende quando si schiaccia l’interruttore della corrente elettrica. Due mesi di tentativi sono davvero pochi per essere già così preoccupata del fatto che la gravidanza ancora non si sia ancora annunciata. Le probabilità di rimanere incinta per ogni ovulazione sono infatti abbastanza modeste, oltre che in relazione con l’età della donna. Lei non mi ha detto quanti anni ha (dato fondamentale quando si parla di fertilità) e quindi non posso esprimermi con maggiore sicurezza
statistica rispetto alle sue possibilità concepire nell’arco dei prossimi sei mesi. Comunque sia, il fatto che lei abbia già due figli è un’ottima prova di fertilità, tuttavia se lei avesse più di 40 anni avrebbe di certo anche meno chance di dare inizio a una gravidanza rispetto a una donna di 30 o, comunque, a quelle su cui potev contare in passato. Il mio consiglio è di essere meno ansiosa, perché l’ansia rema contro il desiderio di avere un figlio per via della sua influenza negativa sull’assetto ormonale, e di cercare una gravidanza con gioia e spontaneità.
Le ricordo che i giorni giusti per concepire sono quelli in cui inizia la secrezione del muco fertile, sostanza chiarissima, trasparente, filante, elastica, che esprime l’imminenza dell’ovulazione ed è indispensabile per favorire il compito degli spermatozoi. La invito anche a iniziare fin da subito ad assumere acido folico, una compressa da 400 microgrammi al giorno,
lontano da tè e latticini (è mutuabile). L’acido folico andrebbe assunto a partire dal momento in cui si inizia a cercare una gravidanza, fino al termine del primo trimestre: è prezioso per la prevenzione di un’importante malformazione del feto, detta spina bifida. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti