apina

Dottor Antonio Vischi A cura di Dottor Antonio Vischi Pubblicato il 24/05/2012 Aggiornato il 01/08/2018

Risponde: Dottor Antonio Vischi

Una domanda di: apina
Salve. Mio figlio è ipermetrope e mi hanno consigliato di mettergli una garzetta
sull’occhio sinistro perché l’altro è pigro. Pensa che in questo modo in futuro il mio bambino potrà avere meno problemi di vista?

Grazie

Sicuramente l’occlusione che le è stata consigliata, da effettuare sull’occhio dominante, non può che essere utile per cercare di far sviluppare la visione sull’occhio pigro.
Si affidi ad un buon ortottista e segua tranquillamente le sue indicazioni.
Tenga presente che più piccolo è il bimbo, maggiore sarà la possibilità di recupero.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti