Alimentazione e carie

Specialista Giulia Bernkopf A cura di Specialista Giulia Bernkopf Pubblicato il 30/08/2013 Aggiornato il 31/07/2018

Risponde: Dottoressa Giulia Bernkopf

Una domanda di: alby88
Buongiorno, vorrei sapere come evitare le carie a mia figlia di 4 anni che ne ha già 3 (2 curate). Limito le caramelle e i dolci e le faccio lavare i denti minimo 2 volte al giorno. Il dentista mi dice che il problema è il mezzo cucchiaino di miele nel latte. Può essere? O il problema è un altro? Mi aiuti per favore. Grazie mille.

Buongiorno, più che la quantità di zuccheri assunta è importante prestare attenzione alla frequenza di assunzione degli stessi. È infatti meno dannosa l'assunzione di due caramelle di seguito rispetto all'assunzione di modeste quantità di zuccheri (ad esempio succhi, bevande leggermente zuccherate o biscotti) più volte nell'arco della giornata. Questo perché quando si assumono zuccheri il pH del cavo orale precipita in zona acida, favorendo la demineralizzazione dei denti e, quindi, l'insorgenza di carie. Ne deriva che frequenti precipitazioni dovute a continue assunzioni di zuccheri causano una permanenza di pH acido rispetto ad una caduta, magari maggiore, ma limitata nel tempo. Bisognerebbe capire quindi con che frequenza la bambina assume il mezzo cucchiaino di miele. Spero di essere stata utile, distinti saluti.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti