Olio essenziale alla cannella: se è nell’aria fa male?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 28/01/2020 Aggiornato il 28/01/2020

Durante i mesi dell'attesa, non ci sono pericoli se accidentalmente si respira aria in cui è diffuso l'odore della cannella contenuta in un olio essenziale.

Una domanda di: Roberta
Oggi mentre mettevo in ordine mi si è rotta una boccetta di olio essenziale alla cannella. L’odore era molto forte e ho pulito il lavandino poi
bene le mani. Sulla confezione vi era scritto di non assumere in gravidanza e adesso sono preoccupata che possano esserci conseguenze per la bambina.
Sono a inizio secondo trimestre. Grazie.

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Cara signora mamma, non sia in ansia per aver respirato dell’aria profumata, la prego!
La cautela nell’impiego di oli essenziali in gravidanza è dettata da motivi di prudenza, non perché ci siano delle evidenze su possibili effetti nocivi sulla gravidanza correlati all’esposizione.
Un conto è l’impiego di un olio essenziale per profumare un ambiente, un altro è inalarlo sotto forma di fumenti (tipo aerosol), utilizzarlo per massaggiare una parte del corpo o ingerirlo per bocca (sono presenti a volte in caramelle balsamiche o sciroppi per la tosse).
E’ chiaro che nel primo caso si tratta di una esposizione molto più contenuta e di conseguenza priva di qualsiasi possibile rischio.
La cannella viene utilizzata in alcune culture dopo il parto come uterotonico (ossia sostanza che promuove la contrazione dell’utero, per contenere le perdite di sangue dopo il parto e aiutare l’utero a ritornare piccolo come prima della gravidanza).
Se lei non ha avvertito dolori pelvici simili alle mestruazioni dopo l’esposizione accidentale all’olio essenziale di cannella, significa che non c’è proprio nulla di cui preoccuparsi.
Spero di averla aiutata e soprattutto rincuorata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti