Orticaria dopo un’otite: perché?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 22/05/2023 Aggiornato il 22/05/2023

La comparsa di ponfi è possibile dopo una malattia infettiva e non va considerata una reazione all'antibiotico.

Una domanda di: Sara
La mia bambina di 20 mesi due giorni fa ha terminato la cura con antibiotico (durata sette giorni) per otite. Ieri si è riempita gambe, braccia e guance di ponfi rossi (o meglio, chiari all’interno con il contorno rosso/rosa) che le prudono un pochino. L’abbiamo portata al pronto soccorso in quanto si è manifestato di notte e hanno diagnosticato orticaria e prescritto un antistaminico. Secondo lei è una reazione del suo corpo alla passata otite? Oppure c’è qualche altra infezione in corso per la quale l’orticaria si è manifestata? Aggiungo che non ha febbre, mangia ed è vivace come sempre. Grazie.
Giorgio Longo
Giorgio Longo

Cara signora, da quello che mi dice credo con ragionevole certezza che si tratti di una orticaria post- infettiva. Tipica l’età e la forma delle lesioni (ponfi) che ha perfettamente descritto. Tipico anche che non la disturbino più di tanto. Le dia comunque qualche goccia di antistaminico se le sembra abbia prurito. Si tratta di una forma di orticaria che nulla ha a che fare con le allergie ma è un modo di reagire alla pregressa infezione. Di norma tende a durare più di un giorno, alcune volte può ritornare nello stesso bambino dopo altre infezioni specie virali, magari anche dopo un semplice vaccino. Importante non scambiarla per una “ allergia” all’antibiotico che ha preso per l’otite e che non c’entra niente (non ha nessuna colpa). Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti