Scapola alta congenita – deformità di Sprengel

Dottor Lucio Palmiero A cura di Dottor Lucio Palmiero Pubblicato il 23/12/2014 Aggiornato il 01/08/2018

A settembre, al mio bambino di 7 mesi hanno diagnosticato, grazie a una lastra e una visita, la deformità di Sprengel o scapola alta congenita... Risponde: Dottor Lucio Palmiero

Una domanda di: Guadabre
Buongiorno. A settembre, al mio bambino di 7 mesi hanno diagnosticato, grazie a una lastra e una visita, la deformità di Sprengel o scapola alta congenita. Ora, dato che siamo stati informati da un eccellente professore di Bologna, avremmo tanto piacere di consultare un altro altrettanto preparato professore per poter avere un quadro più esaustivo.
Volevamo sapere dove poterci rivolgere per capire se e quando operare.
Grazie.

Gentile Signora,
La scapola alta congenita o deformità di Sprengel è una malformazione del cingolo scapolare ad eziologia non del tutto nota.
Talora essa si associa a malformazione delle vertebre cervicali.
La posizione della scapola è dovuta ad anomalie muscolari e vertebrali e/o anatomiche della scapola, talora è presente un osso omovertebrale che si estende dal margine supero-mediale della scapola fino all’arco osteriore della scapola.
Il trattamento chirurgico trova le sue indicazioni in base al danno estetico ed al deficit funzionale, che non è sempre presente.
L’Istituto Rizzoli al quale si è rivolta ha un ottimo reparto di chirurgia pediatrica.
Le formulo i miei migliori auguri.
Lucio Palmiero

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti