Ossalati nella pipì di un bambino: segnalano un’infezione?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 28/12/2022 Aggiornato il 28/12/2022

La presenza di ossalati nelle urine non segnala un'infezione, che invece va diagnosticata quando nella pipì si individuano globuli bianchi (o leucociti).

Una domanda di: Vita
Il mio bambino va spesso in bagno a fare pipì. Ho fatto fare un esame delle urine da cui è risultata la presenza di ossalati. Dopo 15 giorni ho ripetuto gli esami ed è emersa la stessa cosa. Mi chiedo se è necessario fare un’urinocoltura oppure un’ecografia reni-vescica. Grazie
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora, gli ossalati sono sali di deposito e non microbi per cui la loro presenza non induce a sospettare un’infezione urinara, che invece viene segnalata dalla presenza nelle urine di globuli bianchi (che non è stata individuata). Quasi sempre ossalati o urati non sono preoccuoanti, a meno di familiarità per calcolosi. Penso sia comunque utile far bere maggiormente il bambino, per vedere se la frequenza con cui fa pipì si modifica o se rimane costante. Immagino che sia stato il pediatra a prescrivere l’esame delle urine, quindi sarà lui eventualmente a valutare l’opportunità di effettuare ulteriori accertamenti. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti