Allattamento al seno bimba 3 mesi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/06/2014 Aggiornato il 13/02/2015

Sono una mamma di una bellissima bimba di 3 mesi e purtroppo esasperata perché quando la attacco al seno, non è mai tranquilla, anzi è piuttosto agitata... Risponde: Ostetrica Franca Fronte

Una domanda di: andycamy2014
Buonasera sono una mamma di una bellissima bimba di 3
mesi e purtroppo esasperata perché quando la attacco al seno,
non è mai tranquilla, anzi è piuttosto agitata.
Le spiego: lei è nata da parto cesareo si è attaccata subito ma fin dall’inizio
ho constatato che era molto pigra. Ho infatti dovuto usare il tiralatte per i
primi giorni, rovinandomi anche i capezzoli. In più non è mai stata regolare
nelle poppate, anche perché il mio allattamento è a richiesta. Ora da qualche
tempo mentre l’allatto lei si irrigidisce, inarca la schiena, spinge con le
gambine, le tira indietro quasi a piegarsi sul dorso, piange se sta attaccata
mentre ciuccia e se provo a staccarla piange lo stesso e lo fa sia se c’è il
latte, me ne accorgo perche quando si stacca ha la bocca piena di latte, sia
quando il latte manca suda diventa rossa si attacca e stacca in continuazione
distruggendo ulteriormente i miei capezzoli. Lei pesava all’uscita dall’ospedale 3,100 kg e
con un mese e 4 giorni ha preso 1,3 kg, quindi la mia pediatra dice che
cresce bene ma non sa darmi una spiegazione su questo suo comportamento.
Durante il giorno non dorme praticamente mai o fa sonnellini di 10/20 minuti
e fa poppate lunghissime quasi di un’ora. Stiamo riuscendo a farle fare le
classiche poppate ogni 3 ore e bene o male ci riesce però per questo fatto
sono disperata e sono proprio in crisi. Che cosa puo essere? Daniela.

Cara Daniela, calma e gesso! : ) Mancano alcuni elementi per valutare meglio, ma la piccola cresce con regolarità, quindi il latte viene prodotto a sufficienza; rigurgita frequentemente? Potrebbe avere un’esofagite da reflusso (infiammazione del tubicino che porta il nutrimento allo stomaco), quindi la deglutizione del latte le provoca bruciore e occorre curarla. L’intestino funziona bene? Se no, potrebbe avere colichine durante la poppata. Potresti togliere il latte con un tiralatte e provare a somministrarlo con biberon a poppate alterne, sia per testare la sua reazione che per far riposare i capezzoli, massaggiandoli con lanolina purificata dopo ogni suzione. Provare a uscire, fare lunghe passeggiate, offrendo stimoli diversi alla piccola potrebbe creare maggior serenità a tutte e due (per prima alla mamma!), e magari far scivolare in una bella ronfata la bimba. Prova e fammi sapere!

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti