Allattamento al seno bimba 3 mesi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/06/2014 Aggiornato il 13/02/2015

Sono una mamma di una bellissima bimba di 3 mesi e purtroppo esasperata perché quando la attacco al seno, non è mai tranquilla, anzi è piuttosto agitata... Risponde: Ostetrica Franca Fronte

Una domanda di: andycamy2014
Buonasera sono una mamma di una bellissima bimba di 3
mesi e purtroppo esasperata perché quando la attacco al seno,
non è mai tranquilla, anzi è piuttosto agitata.
Le spiego: lei è nata da parto cesareo si è attaccata subito ma fin dall’inizio
ho constatato che era molto pigra. Ho infatti dovuto usare il tiralatte per i
primi giorni, rovinandomi anche i capezzoli. In più non è mai stata regolare
nelle poppate, anche perché il mio allattamento è a richiesta. Ora da qualche
tempo mentre l’allatto lei si irrigidisce, inarca la schiena, spinge con le
gambine, le tira indietro quasi a piegarsi sul dorso, piange se sta attaccata
mentre ciuccia e se provo a staccarla piange lo stesso e lo fa sia se c’è il
latte, me ne accorgo perche quando si stacca ha la bocca piena di latte, sia
quando il latte manca suda diventa rossa si attacca e stacca in continuazione
distruggendo ulteriormente i miei capezzoli. Lei pesava all’uscita dall’ospedale 3,100 kg e
con un mese e 4 giorni ha preso 1,3 kg, quindi la mia pediatra dice che
cresce bene ma non sa darmi una spiegazione su questo suo comportamento.
Durante il giorno non dorme praticamente mai o fa sonnellini di 10/20 minuti
e fa poppate lunghissime quasi di un’ora. Stiamo riuscendo a farle fare le
classiche poppate ogni 3 ore e bene o male ci riesce però per questo fatto
sono disperata e sono proprio in crisi. Che cosa puo essere? Daniela.

Cara Daniela, calma e gesso! : ) Mancano alcuni elementi per valutare meglio, ma la piccola cresce con regolarità, quindi il latte viene prodotto a sufficienza; rigurgita frequentemente? Potrebbe avere un’esofagite da reflusso (infiammazione del tubicino che porta il nutrimento allo stomaco), quindi la deglutizione del latte le provoca bruciore e occorre curarla. L’intestino funziona bene? Se no, potrebbe avere colichine durante la poppata. Potresti togliere il latte con un tiralatte e provare a somministrarlo con biberon a poppate alterne, sia per testare la sua reazione che per far riposare i capezzoli, massaggiandoli con lanolina purificata dopo ogni suzione. Provare a uscire, fare lunghe passeggiate, offrendo stimoli diversi alla piccola potrebbe creare maggior serenità a tutte e due (per prima alla mamma!), e magari far scivolare in una bella ronfata la bimba. Prova e fammi sapere!

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti