farfalla84

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/02/2013 Aggiornato il 28/02/2013

Risponde: Ostetrica Franca Fronte

Una domanda di: farfalla84
Salve, ho 39 anni e a 37 ho partorito una bimba con il cesareo. Da allora mi è rimasto sempre un po' di gonfiore alla parte inferiore della pancia, come se fossi ancora incinta. Sono passati più di due anni e, nonostante sia magra e faccia ginnastica, ho questa "pancetta" che di profilo si nota. Quando finalmente sparirà? Grazie e arrivederci.

Carissima, in presenza di un peso pregravidico e di un tono muscolare addominale normali, dopo il parto (a patto di non aumentare di peso oltre i 12-13 kg) il ritorno alla stessa condizione si verifica nel giro di 8-12 mesi, favorito dall'allattamento al seno. Certamente la natura andrebbe aiutata, sia seguendo un regime alimentare equilibrato (se la pancia è gonfia anche per un accumulo di aria, bisogna evitare per qualche tempo i cibi lievitati e mangire la frutta lontano dai pasti principali), sia iniziando un lavoro addominale a distanza di un mese (due dopo un cesareo) dal parto: si tratta di esercizi mirati, dolci, derivati dallo yoga, che preparano i muscoli per almeno un mese ad affrontare esercizi più impegnativi. Non è mai troppo tardi per iniziare, ma occorre costanza! Inoltre, può essere che dopo l'intervento sia rimasta una certa rigidità della cicatrice, che fa apparire la pancia con una sorta di "scalino" al di sotto di essa. Dopo due anni è un po' tardi, ma si può comunque cercare di ammorbidire e spianare la superficie dell'addome massaggiando tutti i giorni con olio di mandorle lungo il decorso del taglio, con la mano piatta, per 2-3 mesi: questo trattamento eseguito già dopo due settimane dal cesareo è molto efficace. Ora può comunque idratare la pelle e attenuare la differenza tra la parte sopra e quella sotto la cicatrice.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti