fascia post parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/04/2013 Aggiornato il 12/04/2013

Risponde: Ostetrica Franca Fronte

Una domanda di: delux
Buona sera, sono una mamma di 27 anni, ho partorito 2 mesi fa una bella bimba con un parto naturale senza problemi, ma dopo il parto la pancia mi è rimasta molle. Uso la fascia post parto… ma c'è chi ne parla bene, e chi male! Vorrei sapere se posso indossarla e per quando tempo al giorno. Ho timore che possa provocare problemi ai muscoli del pavimento pelvico. Grazie e buona serata.

Mi scuso per il ritardo nella risposta, ma il mio computer continua a fare le bizze. La fascia post parto in realtà serve soltanto in situazioni particolari, quando la donna prima della gravidanza ha avuto problemi o se si rileva dopo il parto un cedimento consistente della muscolatura. Se l'addome non è "contenuto", i muscoli lavorano da soli, in maniera continua e non percepibile dalla donna, ma certo gradualmente, tanto che per tornare alla tonicità che avevano prima del parto occorrono mesi (due sono davvero pochi!!!), tenendo conto che ce ne sono voluti ben nove per espanderli! Dunque solo una valutazione da parte dell'ostetrica o del ginecologo può rilevare correttamente se è necessario o meno l'uso di un contenimento. In ogni caso l'ostetrica può insegnare esercizi di ginnastica dolce e progressiva che consentono ai muscoli addominali di tornare davvero come prima del parto, lentamente però…

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti