rapporti e gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/03/2013 Aggiornato il 12/03/2013

Risponde: Ostetrica Franca Fronte

Una domanda di: gallerytelefonia@libero.it
Salve, mi chiamo Graziella e ho 34 anni. Volevo chiederle se si hanno rapporti non protetti al secondo giorno del ciclo, si può rimanere incinta?

Cara Graziella, una gravidanza può iniziare teoricamente anche molto in prossimità del ciclo, perché un ovulo ha una vita media di 24 ore, mentre lo spermatozoo può vivere per più giorni nell'ambiente accogliente dell'apparato genitale femminile. Se i rapporti non sono protetti, può capitare che l'ovulazione anticipi di molto, trovando ancora qualche spermatozoo vivo nell'utero. Questo in via teorica: la possibilità che accada non è molto alta, ma se vuoi una copertura totale nei confronti di una gravidanza devi adottare un contraccettivo efficace.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di 9 mesi che si sveglia numerose volte ogni notte

23/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Roberta Levi

L'imperativo è "armarsi di pazienza" perché i risvegli notturni non si risolvono da un momento all'altro. Ci vogliono tempo e qualche trucco "da mamma".   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti