Ovaio multifollicolare: si può avviare una gravidanza?

Dottor Claudio Ivan Brambilla A cura di Dottor Claudio Ivan Brambilla Pubblicato il 20/04/2023 Aggiornato il 26/04/2023

L'ovaio multifollicolare non impedisce in assoluto di dare inizio a una gravidanza, però può diminuire le probabilità di riuscirci.

Una domanda di: Isabella
Ho 37 anni e vorrei avere un bambino. La ginecologa mi ha trovato ovaio multifollicolare cosa vuol dire? Inoltre mi ha prescritto il dosaggio ormonale: i risultati son abbastanza buoni soltanto l’FSH è un po’ basso. Vorrei sapere se ciò può dipendere dall’ovaio multifollicolare, grazie.
Claudio Ivan Brambilla
Claudio Ivan Brambilla

Gentile signora, come dice il nome, l’ovaio multifollicolare è la condizione caratterizzata dalla presenza nelle ovaie di numerosi follicoli, che sono sono gli involucri in cui si trova l’ovocita in via di maturazione da cui, se viene fecondato, si sviluppa l’embrione. All’ecografia questi follicoli appaiono come minuscole cisti distribuite un po’ su tutto l’ovaio e non solo nella cosiddetta “zona corticale” dove è normale siano. Le cause sono numerose e tra queste ci sono lo stress, l’eccesso di attività fisica, la magrezza esagerata conseguente alla malnutrizione. Sto solo facendo qualche esempio perché non so nulla della sua situazione specifica, né mi ha indicato il suo peso o fatto cenno alla sua alimentazione abituale, al tipo di attività fisica che svolge, allo stress con cui si trova alle prese. Insomma non ho informazioni. Coincidenza vuole però che anche valori dell’FSH (è l’ormone follicolo stimolante) più bassi rispetto alla norma possano essere in relazione con la malnutrizione (e quindi con il sottopeso) oppure con uno stress intenso e prolungato nel tempo. Posso dirle in generale che l’ovaio multifollicolare non è d’impedimento assoluto per una gravidanza però di sicuro ostacola la possibilità di avviarla. Per finire, può essere per lei tranquillizzante sapere che il problema è reversibile. Occorre però cercare di individuarne la causa e su questo non la posso aiutare. Mi chiedo comunque che cosa le abbia detto la collega ginecologa che le ha prescritto gli esami e che ha fatto la diagnosi di ovaio multifollicolare: sono certo che le abbia spiegato la condione e soprattutto già indicato il da farsi. Il mio consiglio è di seguire i suoi consigli con fiducia. Mi faccia sapere, se lo desidera. Cari saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti