Ovaio policistico e inositolo

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 12/08/2019 Aggiornato il 12/08/2019

Gli integratori a base di inositolo aiutano a facilitare l'ovulazione e, di conseguenza, a regolarizzare il ciclo mestruale.

Una domanda di: Jessica
Salve la mia ginecologa mi ha detto di prende Inofolic combi perché ho la sindrome della ovaio policisto, ma ho letto che esso serve pure a rimanere incinta, ma io assolutamente ancora non voglio visto la giovane età..!!!! Secondo lei va bene?????
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Buongiorno Jessica, rispondo volentieri alla sua domanda perché avverto tutta la sua indecisione.
La sua dottoressa ha fatto molto bene a suggerirle l’integratore Inofolic combi per curare la sindrome dell’ovaio policistico.
In passato si tendeva a suggerire la pillola estro-progestinica come “rimedio” ma si è capito che non è la strategia vincente perché non cura veramente il problema: lo nasconde soltanto mettendo le ovaie a riposo.
Invece il suo integratore, e in generale quelli a base di inositolo, servono per facilitare l’ovulazione e in tal modo regolarizzare il ciclo mestruale che chi ha questa sindrome solitamente ha alterato in termini di durata.
A questo punto capisco che, se lei ha un compagno cui vuol bene, si ponga il problema di aspettare a diventare mamma. Per questo tema ci sono direi 2 possibilità (escludo a priori che si possa vivere come fratello e sorella anche se l’unico metodo contraccettivo efficace al 100% sarebbe proprio l’astinenza)
1) utilizzare ad ogni rapporto e dall’inizio dei contatti genitali il preservativo
2) imparare i metodi naturali di regolazione della fertilità (NON sto parlando del coito interrotto, attenzione: intendo il metodo dell’ovulazione Billings o il metodo sintotermico tipo CAMEN o tipo Roetzer) che non comportano effetti collaterali, sono efficaci se appresi dalle insegnanti che sono presenti in tutta Italia, sono di solito gratuiti, richiedono un breve periodo di training e poi rendono autonoma la coppia sia di cercare che di rinviare il concepimento.
Vedrà che conoscere meglio il suo corpo le sarà di grande aiuto anche per verificare con esattezza quanto le sia utile Inofolic combi per regolarizzare la funzione delle sue ovaie.
Spero di averla aiutata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti