Ovaio policistico e una tuba meno efficiente: potrò diventare mamma?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 11/11/2019 Aggiornato il 11/11/2019

Se le tube sono pervie e l'equilibrio ormonale che governa la fertilità non è alterato, anche a 38 anni è possibile dare inizio a una gravidanza.

Una domanda di: Monica
Ho 38 anni, soffro di ovaio policistico: ovaio destro 11×14 mm, la tuba di destra è sana mentre la sinistra “ha aspetto convoluto e il passaggio in peritoneo appare tardivo e minimo”, secondo quanto riportato nel referto dell’isterosalpingografia.
Ho speranze di diventare mamma?
Oppure tuba e ovaio funzionanti devono corrispondere?
Ho bisogno di questa informazione, sono disperata. Grazie mille.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
entrambe le tube funzionano, una meglio dell’altra ma entrambe sono pervie, cioè accessibili.
Se le ovaie funzionano, nel senso che mensilmente liberano l’uovo, e se la seconda fase del ciclo (luteale) è regolare sia per durata (12-15
giorni) sia per livelli ormonali di progesterone, non sembrano esserci impedimenti alla fecondazione e a successivo annidamento del figlio.
Naturalmente i rapporti liberi devono avvenire nei giorni fertili pre-ovulatori che sono riconoscibili attraverso l’osservazione del
tipico muco fluido a chiara d’uovo. Peraltro, la lunghezza della fase luteale è facilmente verificabile
calcolando i giorni dalla scomparsa del muco all’inizio del flusso successivo, e il dosaggio del progesterone andrebbe fatto 7 girni prima
del flusso mestruale, cioè 7 giorni dopo la scomparsa del muco fertile. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti