Ovaio policistico e una tuba meno efficiente: potrò diventare mamma?

Dottor Bruno Mozzanega A cura di Dottor Bruno Mozzanega Pubblicato il 11/11/2019 Aggiornato il 11/11/2019

Se le tube sono pervie e l'equilibrio ormonale che governa la fertilità non è alterato, anche a 38 anni è possibile dare inizio a una gravidanza.

Una domanda di: Monica
Ho 38 anni, soffro di ovaio policistico: ovaio destro 11×14 mm, la tuba di destra è sana mentre la sinistra “ha aspetto convoluto e il passaggio in peritoneo appare tardivo e minimo”, secondo quanto riportato nel referto dell’isterosalpingografia.
Ho speranze di diventare mamma?
Oppure tuba e ovaio funzionanti devono corrispondere?
Ho bisogno di questa informazione, sono disperata. Grazie mille.
Bruno Mozzanega
Bruno Mozzanega

Gentile signora,
entrambe le tube funzionano, una meglio dell’altra ma entrambe sono pervie, cioè accessibili.
Se le ovaie funzionano, nel senso che mensilmente liberano l’uovo, e se la seconda fase del ciclo (luteale) è regolare sia per durata (12-15
giorni) sia per livelli ormonali di progesterone, non sembrano esserci impedimenti alla fecondazione e a successivo annidamento del figlio.
Naturalmente i rapporti liberi devono avvenire nei giorni fertili pre-ovulatori che sono riconoscibili attraverso l’osservazione del
tipico muco fluido a chiara d’uovo. Peraltro, la lunghezza della fase luteale è facilmente verificabile
calcolando i giorni dalla scomparsa del muco all’inizio del flusso successivo, e il dosaggio del progesterone andrebbe fatto 7 girni prima
del flusso mestruale, cioè 7 giorni dopo la scomparsa del muco fertile. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Forte raffreddore e un episodio di febbre a inizio gravidanza: ci sono rischi?

12/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Nessuno studio finora si è rivelato conclusivo circa la relazione tra comparsa della febbre e malformazioni nel feto.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti